28 Ottobre 2017 · 4635 Views

Annunciazione e i Sette Santi di Filippo Lippi

L'Annunciazione, non discostandosi dalla tradizionale disposizione delle figure, presenta la Vergine dentro un piccolo atrio, dove s'intravedono le umili e tranquille stanze di lei. Dal lato opposto, nel giardino, l'angelo che a lei s'inclina, tenendo nella sinistra il giglio e benedicendo con la destra.
Non è facile descrivere i pregi dell'opera squisita, ove tutto è curato con amore, dagli eleganti e finissimi contorni delle figure ai minimi accessori, dall'architettura ai fiorellini del prato; dove il colorito gaio e vivace delle vesti anima le figure dando alla tavola un'intonazione simpatica, senza nulla togliere, anzi aggiungendo nuove attrattive al devoto sentimento della scena.
La Vergine, seduta, protende il corpo e s'inchina, portando la destra al seno e tenendo sulle ginocchia il libro aperto. Ella s'inchina, abbassando il biondo capo, l'angelo; e nei volti di entrambi è un non so che d'ingenuo e d'umano che attrae più di quei tipi convenzionali di cui si erano troppo compiaciuti i pittori del periodo precedente. E la bellissima scena è sapientemente adattata dal pittore alla linea curva della lunetta, con cui armonizzano alla perfezione le due gentili figure nel loro vicendevole inchino.


L'Annunciazione, databile al 1450-1453 circa e conservato nella National Gallery di Londra.
 

Nei Sette Santi, San Giovanni Battista sta in atto di predicare seduto sopra un lungo marmo intarsiato a vari colori, avendo ai lati i santi Cosimo e Damiano, Sant'Antonio e San Pietro martire, San Lorenzo e San Francesco, estatici e devoti. Grandiosa nella sua semplicità, la scena ha un carattere cosi intimo che pare quasi informata da uno spirito moderno.
Quei Santi riuniti artisticamente su quel lungo marmo, in un parco, li diresti dotti umanisti o accademici disputanti nei giardini di Antonio degli Alberti o nei chiostri di Santo Spirito o degli Angeli. Ben distinti i tipi dei sette uomini: le teste modellate tutte accuratamente; i nimbi dorati spiccano sul verde scuro degli alberi, e le vesti — evidentemente studiate dal vero — presentano armoniosa intonazione di colori, ricca varietà di toni.
L'effetto è accresciuto dalle ornate decorazioni e dai fregi finissimi di cui son ricche le vesti, dalla delicatezza onde sono disseminate le solite lettere orientali nei lembi di esse, dalla cura nel rendere i panneggiamenti e ogni minimo particolare.
 


I Sette Santi, databile al 1450-1453 circa e conservato nella National Gallery di Londra.

 

Arte


Cesare Ciani


A cavallo dei due secoli, la sua pittura è intensamente vitalista.

Leggi ora!

Madonna della Melagrana


La melagrana che la Madonna e il bambino tengono in mano è invece simbolo di fecondità, abbondanza e regalità, nonché dotato di grani rossi che, simili a...

Leggi ora!

Luigi Frullini, intagliatore


Luigi Frullini riscosse il primo successo nel 1861 all'Esposizione nazionale italiana di Firenze dove furono premiati due bassorilievi in giuggiolo per un...

Leggi ora!

Palazzo Pitti: La Carità Educatrice


Commissionata da Ferdinando III con contratto stipulato il 6 giugno 1817. Destinata inizialmente alla Villa del Poggio Imperiale, nel 1836 Leopoldo II decise...

Leggi ora!

Visite guidate

Un affascinante viaggio nel tempo alla scoperta di quanto e come è cambiata la figura dello...
Una visita per scoprire la ragione possente della forza onirica che sprigiona questo luogo. La...
Camminata per le strade del centro per conoscere la Gina e l’Albertina, e Madame Saffo. Insieme...
Racconteremo storie di omicidi e di fantasmi che ancora oggi sembrano infestare molti palazzi.