07 Settembre 2016 · 9560 Views

Il Cantastorie

Il Cantastorie
Il cieco e la bellona


Per le strade di Firenze si poteva incontrare o meglio sentire una voce anche intonata che cantando raccontava storie vere o inventate. 
A Firenze era molto probabile incontrare una "strana coppia: il "
cieco e la bellona" [1], il cieco era un novellatore o cantastorie cieco, anche se spesso si fingeva come tale, si faceva accompagnare da una "bellona" (non quella dell'immagine posta in alto alla pagina) non troppo giovane e un po' volgare però sempre piacente, che con la sua presenza attirava il pubblico, naturalmente in questo caso soprattutto quello maschile.
I guitti, gli angeli precipitati del "Cieco e la Bellona" nei loro vagabondaggi avventurosi si erano trasformati in itinerari verticali per «scendere – come Eugenio Montale parlando di Lòria a suo tempo suggerì – nella regione che sola conta: quella del cuore umano».

"Li poveri orbi e ciechi di tutti due occhi, che come è notissimo sogliono vivere col mestiere di cantare e recitare per le strade orazioni sacre e profane e soprattutto improvesar poesie nelle feste plebee in onore dè Santi che fuori de tempij nelle piazze e contrade espongonsi della città, sono l'istessi poeti popolari appellati ciclici poetae che fecero figura presso gli antichi in Italia a' tempi de' Greci e de' Romani" così scrive il Marchese di Villabianca nel Settecento.

[1] "Il cielo e la bellona" (1928) è anche il titolo di un libro del 1926 di Arturo Loria [2],  I personaggi di questi otto racconti che compongono il libro sono mendicanti, contadini, vecchie ballerine, banditi o comunque relitti della vita, vivono storie allucinate, agiscono invasati da turbe e manie, sospesi tra la realtà e l'incubo, trovano il loro giusto tono in un pittoresco ambiente non cronologicamente determinato, ma dalla vaga suggestione romanzesca. 
 
[2] Arturo Loria che nel panorama letterario del '900 è uno sconosciuto per quanto illustre. Nacque a Carpi nel 1902 da famiglia di industriali e alcuni brevi soggiorni negli Stati Uniti, in Francia e Inghilterra, visse sempre a Firenze, dove mori nel 1957.
 


 

Personaggi


Giotto da Bondone


I primissimi anni del pittore sono stati oggetto di credenze quasi leggendarie fin da quando egli era in vita. Giorgio Vasari racconta come Giotto fosse...

Leggi ora!

Pico della Mirandola


Di Pico della Mirandola è rimasta letteralmente proverbiale la prodigiosa memoria: si dice conoscesse a mente numerose opere su cui si fondava la sua vasta...

Leggi ora!

Messer Felice Brancacci


Messer Felice Brancacci ha dato il nome alla famosissima Cappella ma nessuno lo ricorda. Vediamo chi era.

Leggi ora!

La confessione di Gnicche all'Inferno


Gnicche (nomignolo attribuitogli dagli abitanti di Santa Croce, la zona di Arezzo in cui risiedeva) era noto ai carabinieri quando aveva solo 19 anni.

Leggi ora!

Visite guidate

Il percorso farà scoprire i luoghi della città in cui Dante camminò e visse. Traccia dopo...
Insieme cercheremo di comprendere i caratteri salienti di una antichissima, affascinante religione....
La nostra visita guidata consentirà di conoscere una realtà quasi del tutto persa, di ammirare...
Segui passo passo e vedrai come è facile prenotare le visite o eventi di Conosci Firenze