14 Novembre 2017 · 5292 Views

Ritratti di Justus Sustermans a Villa de' Medici

Ritratti di Justus Sustermans
Villa de' Medici a Poggio a Caiano
 
Justus Sustermans conosciuto anche col nome di Giusto e con la variante Suttermans (Anversa, 28 settembre 1597 – Firenze, 23 aprile 1681), è stato un pittore fiammingo di stile barocco.

Una magnifica collezione di ritratti del Sustermanns contiene anche la villa di Poggio. Sotto Cosimo II, sotto Ferdinando II, sotto Cosimo III, che compose la Galleria dei quadri a Pitti, Giusto Sustermanns fino al 1653 all' età di ottantadue anni, rimase in Firenze e dipinse una quantità enorme di ritratti fra i quali più volte quelli dei Principi di Casa Medici:
 
Mediceus vultus pinxit manus inclyta Justi
 
com'era scritto sotto i ritratti inviati in dono a Ferdinando Cospi, senatore Bolognese. Nobili nell'insieme, pur conservando nei fondi e nelle vesti e nei particolari molta austerità, dipinti con tocco insieme ardito e sapiente, mirabili per rassomiglianza, essi possono non indegnamente stare a lato di quelli dei più grandi ritrattisti, compreso il Van Dyck.
A Poggio a Caiano ve ne hanno diciassette, di qualcuno dei quali non è tuttavia possibile designare con precisione il personaggio  rappresentato. Di ritratti di Principesse vi è Vittoria della Rovere, seduta, con in mano una rosa, imponente di aspetto; Claudia dei Medici, contessa del Tirolo, in piedi, abbigliata di uno splendido costume del principio del 600 e con un cagnolino accanto; Cristina di Lorena in costume di abbadessa, diritta presso un crocifisso; Maria Maddalena d'Austria seduta presso una tavola, con un cagnolino ai piedi; Margherita di Cosimo II figlia del Duca di Parma, che ha spiccatissimo il tipo di famiglia Medici, ovale del viso piuttosto pieno, il naso un po' grosso alla base, la bocca sensuale; Isabella d'Austria sposata a Carlo II Gonzaga, a due terzi di figura, con magnifica veste sopraccarica di ricami e di gemme ed a lato un pappagallo. 
Di uomini vi è un bellissimo Francesco de' Medici, figlio di Cosimo II, in piedi, su un fondo di cielo, vestito di armatura e il cappello piumato e con una figura di moro chino presso di lui; un Ferdinando II, seduto sul trono, in una specie di costume da imperatore romano, con lo scettro nel pugno; un altro Ferdinando II giovane, armato, in atto di misurare con il compasso la pianta di una fortezza; un Cosimo III, da Principe, con la corazza e lo scettro; un Mathias de' Medici figlio di Cosimo II anch'egli armato e piumato; un altro Mathias giovane in veste ricamata; un Cardinale Carlo de' Medici; un Leopoldo Conte del Tirolo ; e due ritratti incerti, uno di un gio​vane in costume di abatino, forse un Gian Carlo, che fu poi Cardinale, ed un altro probabilmente del Cardinale Leopoldo, anch'egli giovanetto; infine un ritratto dì Cardinale che si crede un Cardinale Pamphily.
Michele De Benedetti, Palazzi e ville reali d'Italia, Firenze, Alinari, 1911​

 

Vittoria della Rovere


Ferdinando II de' Medici


Francesco Maria de' Medici


Vittoria della Rovere
 

Arte


La Venere Italica


L’opera fu realizzata coma compensazione per il trasferimento in Francia della Venere de' Medici, rastrellata dai napoleonici.

Leggi ora!

Allegoria di Firenze che trionfa su Pisa


Rientrato a Firenze nel 1565, Giambologna venne incaricato di realizzare una scultura nell'ambito dei preparativi delle nozze tra Francesco I e Giovanna...

Leggi ora!

Pala di Antonello da Messina


Dal 3 Novembre scorso, per quindici anni, sarà possibile ammirare agli Uffizi il trittico con la Madonna col Bambino, angeli e i Santi Giovanni e Benedetto...

Leggi ora!

I fratelli Bigordi ovvero i Ghirlandaio


Anche i fratelli David e Benedetto furono valenti pittori attivi nella sua bottega.

Leggi ora!

Visite guidate

Vedremo come Leonardo abbia dedicato buona parte delle sue ricerche alle Interconnessioni tra tutti...
Un affascinante viaggio nel tempo alla scoperta di quanto e come è cambiata la figura dello...
A Certaldo nascono qui le due personalità più importanti di questa città: il poeta Giovanni...
alla chiesa che ha caratterizzato il bellissimo quartiere di Santo Spirito. Vi aspettiamo.