22 Febbraio 2018 · 7151 Views

Il ciclone Vittorio, parte prima


La Saga di Vittorio Cecchi Gori


Foto Gazzetta.it

Parte Prima
Parte Seconda
Parte Terza

Il Presidente

La faida Guelfi contro Ghibellini? Giusto delle scaramucce. Perché, a Firenze, mai nessuno più di lui ha diviso e continua a dividere così. Da una parte i nostalgici – accusati di apologia di reato – pronti a giustificarlo e rimpiangerlo in nome di un passato folle, da montagne russe, ricco di discese infernali ed estemporanei picchi di gloria. Dall’altra i pragmatici, gli aziendalisti, i dellavalliani, quelli dalla memoria altrettanto lunga ma sintonizzata solo sulla drammatica estate 2002, causa di una frattura impossibile da calcificare e destinata a far male ancora, vita natural durante, proprio come quando un temporale ci ricorda il dolore di un braccio rotto tanti anni fa. Vittorio Cecchi Gori.
Essere mitologico: mezzo uomo, mezzo ciuffo cotonato. Camicia sempre aperta con pelo in vista, tacco dodici, fiuto da Oscar e paura di nessuno. 

Il piccolo diavolo

Ormai quasi una figura leggendaria, fantascientifica: cavaliere jedi per alcuni, vampiro stokeriano per altri. Archetipo degli anni ’90, di un calcio estinto fatto di presidenti vulcanici, macchiettistici, a volte geniali, molto più spesso ridicoli, ma sempre e comunque protagonisti. Ereditario di una fortuna costruita dal padre e dissipata a forza di colpi di teatro, colpi di testa e, probabilmente,colpi di altro genere. Più ambizioso di Icaro e più ingenuo di Pinocchio che semina zecchini. La vita di Vittorio Cecchi Gori è stata un’odissea di cinema, balaustre, donne, calcio, politica, televisioni, imperi finiti peggio di quello romano post invasioni barbariche e poi, certo, anche tribunali. Una sceneggiatura esistenziale a volte comica, a volte avventurosa, a volte semplicemente grottesca.

Le comiche 

Non ci interessa però ripercorrere i guai con la legge dell’ex Senatore. Il crac Finmavi. La bancarotta fraudolenta. Gli avvisi di garanzia per concorso in riciclaggio. La confisca dei beni personali, della library cinematografica, dello storico Adriano. Lo stesso fallimento della Fiorentina, analizzato dolorosamente nel dettaglio. No. La nostra indagine vuole essere più folkloristica, incentrata sul personaggio VCG. Su quell’uomo capace di comandare filippini in livrea, durante importanti meeting d’affari, per avere una bacinella d’acqua calda utile a riposanti pediluvi. Su quel produttore cinematografico in grado di dormire come un ghiro durante la proiezione dei suoi film e poi, una volta svegliato, imporre ai registi tagli e modifiche alle scene. Su colui che, dall’alto del suo attico a Firenze, si era messo in testa di depurare l’
Arno che, troppo sporco per i suoi gusti, andava a rovinargli il panorama. 

Parte Prima
Parte Seconda
Parte Terza

Foto del IlMessaggero.it

Indipendenti.net

Foto di Copertina di FantaGazzetta.it

 

Alè Viola


Di padre in figlio


A mio figlio racconterò di quando ne ho presi cinque dalla Juventus e di quando sono fallito e retrocesso in C2...

Leggi ora!

Sono Francesco di Alessandria e tifo Viola


Mio padre è sempre stato onesto e mi disse: “Francesco, non ti mettere a tifare per la Fiorentina perché saranno poche gioie e tante sofferenze, tifa chi...

Leggi ora!

La fenomenale Viola nel secondo scudetto


I Viola non erano di certo partiti col favore dei pronostici, in un campionato che vedeva corazzate quali il Milan (Campione d’Italia uscente) di Rivera,...

Leggi ora!

Il ciclone Vittorio, parte terza


Il suo legame con la Fiorentina è stato viscerale, sanguigno, irrazionale, scostante. Come Napoleone nel Cinque Maggio di Manzoni si passerà dall’altare...

Leggi ora!

Visite guidate

Un affascinante viaggio nel tempo alla scoperta di quanto e come è cambiata la figura dello...
Questo webinair (lezione online) sarà un viaggio alla scoperta di uno dei luoghi più panoramici,...
Non solo #Firenze nei nostri progetti futuri. Non mancate
nei luoghi che hanno segnato la loro storia: dal quartiere mediceo, rinnovato da Cosimo il Vecchio...