18 Ottobre 2018 · 2070 Views

San Giorgio e il Drago, restaurato

Tabernacolo di San Giorgio e il Drago
in via dei Pepi angolo via dei Pilastri

 
Al Canto di Sant'Anna, in angolo con via dei Pilastri, il tabernacolo mostrava Maria bambina con sant'Anna tra i santi Francesco e Domenico, così ci dice Guido Carocci in I tabernacoli di Firenze in cui si legge:" è un affresco del XVII secolo e rappresenta Sant'Anna, in piedi dietro alla Vergine che tiene in grembo il Bambino Gesù. Ai lati stanno inginocchiati San Francesco e San Domenico". Il dipinto era affiancato da uno stemma con la colomba dello Spirito Santo e uno con un puttino in fasce dello Spedale degli Innocenti.
Le ormai esili tracce del dipinto furono coperte nel 1954  da un'opera (vedi foto) del pittore Angelo La Naia (1) che raffigurò stesso soggetto, Sant'Anna con la Vergine Bambina, secondo una libera interpretazione dell'artista. Purtoppo l'acqua dell'Arno lo danneggiò durante l'alluvione del 1966. Tolta dal tabernacolo, la modesta pittura non vi è più ritornata .
 Secondo il Guarnieri il dipinto venne collocato nei depositi delle Oblate in via dell'Oriuolo, ma oggi, dopo il cambio di destinazione di tutto il complesso, è lecito chiedersi se non sia stato perso. Una domanda senza risposta, non credete?
 
 
 
Dipinto di Angelo La Naia

 
Al posto dell'opera di La Naia venne collocato il dipinto che rappresenta San Giorgio e il Drago. Nonostante le mie ricerche, non sono riuscito a scoprire il nome del pittore. Questa pittura la vedo da oltre trentanni, perciò potete immaginare la mia sorpresa, e anche lo sconforto, quando un pomeriggio, mentre passavo di lì dopo essere andato a degli eventi molto interessanti alla Sinagoga di via Farini, trovo il tabernacolo vuoto.

 


San Giorgio e il Drago prima del restauro


Dopo la sorpresa iniziale mi viene in mente tutto ciò che di brutto può capitare ad un tabernacolo: la caduta, un atto di vandalismo oppure la possibilità che, dato lo stato di degrado in cui versava, fosse stato tolto.Ho pensato anche a cose assurde come i fulmini, un meteorite oppure un attacco terroristico, ma non ho pensato, chissà come mai, a l'unica cosa verosimile nonché plausibile e cioè il restauro sia del dipinto che del tabernacolo. E così è stato. Meno male.
 
 
 
 
Il dipinto non è certo un capolavoro, ma con tante brutture che oggi vediamo nel centro storico il "mio" San Giorgio e il Drago di via dei Pepi non disturba per niente.
 
 

San Giorgio e il Drago dopo il restauro


(1) Angelo La Naia, nato ad Adrano (Catania) il 14 novembre 1894 - morto a Firenze il 16 giugno 1968 
 

Tempi Moderni


Via Michelangiolo Buonarroti


Via Buonarroti il brutto biglietto da visita per tutti coloro che visitano la Casa Museo di Buonarroti.

Leggi ora!

Giardino della Catena ieri e oggi


Di giorno un bel giardino adatto alle famiglie, tenuto bene, pulito libero da individui poco raccomandabili, ma la notte?

Leggi ora!

Borgo Allegri


Borgo Allegri un luogo con poco interesse storico ma molto popolare e con una pavimentazione disconnessa e potenzialmente pericolosa se si cammina o si usano...

Leggi ora!

Io copio, tu copi, egli copia... tutti copiano


Copiare il lavoro degli altri riesce a tutti e non implica l'uso della propria inventiva, capacità di impegnarsi o dimostrare il proprio valore culturale.

Leggi ora!

Visite guidate

APERTURA STRAORDINARIA. L'edificio fu trasformato in villa e gli "orti" lungo la collina di...
Racconteremo storie di omicidi e di fantasmi che ancora oggi sembrano infestare molti palazzi.
A pochi passi dalla Fortezza da Basso troviamo un po' di Russia.
Gioco a squadre precostituite