04 Aprile 2015 · 8605 Views

Scoppio del Carro origine Longobarda?

"Scoppio del Carro" origine Longobarda?
 
Gli annali ci tramandano che dopo la liberazione di Gerusalemme, nel giorno del Sabato Santo, i crociati si radunarono nella Chiesa della Resurrezione e, in devota preghiera, consegnarono a tutti il fuoco “santo” come simbolo di purificazione. A questa cerimonia risale la consuetudine pasquale di distribuire il fuoco benedetto al popolo di Firenze. Il fuoco santo, riporta la leggenda, veniva acceso proprio con le scintille sprigionate dallo sfregamento delle tre schegge di pietra del Santo Sepolcro.
 
Scoppio del carro Firenze
 
Durante le crociate in Terra Santa, a cui molti fiorentini parteciparono, e perirono, e di cui era ovviamente impossibile recuperare il corpo, è lecito supporre che a Firenze fosse ancora forte l’usanza pagana longobarda delle perticae, considerato il forte spirito guerriero, e nazionalistico, dei longobardi che più di ogni altra cosa gli identificava anche nel loro rapporto con la religione cristiana, e con la Pasqua, e considerato che la calata dei longobardi in Italia venne considerata da loro come una presa di possesso della “Terra promessa”.
Gli usi longobardi, ovviamente pagani, nel X secolo non dovevano essere del tutto scomparsi perché la 
Tuscia Langobardorum  il Ducato di Tuscia longobardo, che, come sappiamo, incise cosi profondamente sulla Toscana altomedioevale , è durata fino al 774 d.C.
Quindi l’ipotesi che nel X-XI secolo la “
colombina” nascesse come una “riedizione” dell’usanza delle perticae per ricordare e celebrare i combattenti morti in Terra Santa non è una idea peregrina, tenuto conto, ulteriormente, che la nobiltà longobarda era prima di tutto una nobiltà guerriera .
 
Scoppio del carro Firenze
 
Una congettura affascinante, che poniamo all’attenzione degli storici di “mestiere” e del pubblico toscano, e che riprende ulteriore forza tenendo conto delle parole di Paolo Diacono e sul fatto che il “viaggio” della colombina si svolge in direzione sud-est, verso il Duomo, ossia in direzione di Gerusalemme, dove giacciono i corpi dei toscani, di ascendenza longobarda, partiti per la crociata di Goffredo di Buglione e morti in combattimento per liberare il Santo Sepolcro .
La colombina, pertanto, ha tutta l’aria di essere un notevole “relitto” di tradizione della “
Tuscia Longobarda” sopravvissuto fino ai giorni nostri , anche se pesantemente inglobato nell’alveo della cristianità , ed esempio efficace di sincretismo religioso-culturale fra cultura germanica e cristianesimo, e la cui reale origine era stata naturalmente già dimenticata nel medioevo.

http://bighipert.blogspot.it/

Scoppio del Carro, la tradizione
 

Schegge di storia


Il giudizio di Dante su Pistoia


A volte ci appigliamo all'andazzo del tempo, diciamo che fu la voce comune su uomini e cose che Dante volle eternare, senza ch'egli si facesse giudice.

Leggi ora!

L'Etruria antica


La demografia della regione ha il suo massimo sviluppo con la federazione etrusca, mentre decade con l'espansione romana.

Leggi ora!

La Guerra degli Otto Santi


La miccia fu accesa nel 1374 dal rifiuto del francese Vescovo di Bologna Guillaume de Noellet a fornire grano ai Fiorentini.

Leggi ora!

Abiti delle Dame e dei Nobili fiorentini


Abiti coloratissimi per le dame e i nobili del Quattrocento.

Leggi ora!

Visite guidate

Racconteremo storie di omicidi e di fantasmi che ancora oggi sembrano infestare molti palazzi.
alle terrazze esterne del Duomo per la "passeggiata" a trentadue metri di altezza per regalare agli...
nei luoghi che hanno segnato la loro storia: dal quartiere mediceo, rinnovato da Cosimo il Vecchio...
alla chiesa di Orsanmichele, detta anticamente anche di San Michele in Orto, era una loggia...