04 Aprile 2015 · 8974 Views

Scoppio del Carro origine Longobarda?

"Scoppio del Carro" origine Longobarda?
 
Gli annali ci tramandano che dopo la liberazione di Gerusalemme, nel giorno del Sabato Santo, i crociati si radunarono nella Chiesa della Resurrezione e, in devota preghiera, consegnarono a tutti il fuoco “santo” come simbolo di purificazione. A questa cerimonia risale la consuetudine pasquale di distribuire il fuoco benedetto al popolo di Firenze. Il fuoco santo, riporta la leggenda, veniva acceso proprio con le scintille sprigionate dallo sfregamento delle tre schegge di pietra del Santo Sepolcro.
 
Scoppio del carro Firenze
 
Durante le crociate in Terra Santa, a cui molti fiorentini parteciparono, e perirono, e di cui era ovviamente impossibile recuperare il corpo, è lecito supporre che a Firenze fosse ancora forte l’usanza pagana longobarda delle perticae, considerato il forte spirito guerriero, e nazionalistico, dei longobardi che più di ogni altra cosa gli identificava anche nel loro rapporto con la religione cristiana, e con la Pasqua, e considerato che la calata dei longobardi in Italia venne considerata da loro come una presa di possesso della “Terra promessa”.
Gli usi longobardi, ovviamente pagani, nel X secolo non dovevano essere del tutto scomparsi perché la 
Tuscia Langobardorum  il Ducato di Tuscia longobardo, che, come sappiamo, incise cosi profondamente sulla Toscana altomedioevale , è durata fino al 774 d.C.
Quindi l’ipotesi che nel X-XI secolo la “
colombina” nascesse come una “riedizione” dell’usanza delle perticae per ricordare e celebrare i combattenti morti in Terra Santa non è una idea peregrina, tenuto conto, ulteriormente, che la nobiltà longobarda era prima di tutto una nobiltà guerriera .
 
Scoppio del carro Firenze
 
Una congettura affascinante, che poniamo all’attenzione degli storici di “mestiere” e del pubblico toscano, e che riprende ulteriore forza tenendo conto delle parole di Paolo Diacono e sul fatto che il “viaggio” della colombina si svolge in direzione sud-est, verso il Duomo, ossia in direzione di Gerusalemme, dove giacciono i corpi dei toscani, di ascendenza longobarda, partiti per la crociata di Goffredo di Buglione e morti in combattimento per liberare il Santo Sepolcro .
La colombina, pertanto, ha tutta l’aria di essere un notevole “relitto” di tradizione della “
Tuscia Longobarda” sopravvissuto fino ai giorni nostri , anche se pesantemente inglobato nell’alveo della cristianità , ed esempio efficace di sincretismo religioso-culturale fra cultura germanica e cristianesimo, e la cui reale origine era stata naturalmente già dimenticata nel medioevo.

http://bighipert.blogspot.it/

Scoppio del Carro, la tradizione
 

Schegge di storia


Il mercato medievale nel XII secolo


Le fiere e i mercati si svolgeranno anche nelle piazze. Costituiscono un elemento importante nella rinascita economico sociale della società medievale e il...

Leggi ora!

Patagonia Express


Non sono Sepùlveda, e non ho la “Moleskine” di Bruce Chatwin. Ma ci provo lo stesso a tracciare un itinerario comunque perfettibile- nonché...

Leggi ora!

10 Gennaio 1547: Bando dell'armi proibite


Bando dell armi proibite da tenersi in Firenze e dentro alle otto miglia, publicato il di 10. di gennaio. 1547

Leggi ora!

Dal bordello al convento


"Buttafuoco da Prato usa di giorno e di notte con una certa sorella chiamata suor Caterina, dalla quale ebbe tre figli e con lei praticò per il tempo di tre...

Leggi ora!

Visite guidate

Venerdì 31 gennaio le coppie di visitatori potranno accedere al Museo pagando un solo biglietto...
al Palazzo del Bargello, magnifico edificio medioevale costruito a partire dal 1255.
Meraviglie sono celate dietro l'austera facciata dell'imponente Palazzo Pitti!
Il nuovo palazzo della famiglia Medici, che prima abitavano nella zona di Piazza della Repubblica,...