Il Tabernacolo di “Canapone”

Il Tabernacolo di “Canapone” a Bellosguardo: Un Monumento Carico di Storia


Se viaggi lungo la strada che porta a Bellosguardo, non potrai fare a meno di notare il Tabernacolo di "Canapone", un monumento che racchiude una storia affascinante e carica di significato. Questo luogo è intriso di storia e mistero, e la sua origine risale addirittura al lontano 1848, quando il Granduca di Toscana Leopoldo II di Lorena vi fu coinvolto in un grave incidente in carrozza.
Si narra che, in quell'anno cruciale, i cavalli impazziti fecero ribaltare la carrozza lungo la discesa, mettendo a rischio la vita del Granduca e delle sue due figlie. Per fortuna, il destino volle che tutti uscissero indenni da quell'incidente spaventoso, ma che avrebbe potuto avere esiti ben più tragici.
Come segno di gratitudine per essere scampato a tale pericolo insieme alle sue amate figlie, il Granduca decise di far erigere un tabernacolo esattamente nel punto in cui l'incidente aveva avuto luogo. Oggi, questo tabernacolo si trova inserito nel muro di cinta della strada, a metà salendo, e custodisce una terracotta invetriata della Madonna con il bambino. Sotto questa rappresentazione sacra, si legge l'incisione: "Per grazie ricevuta da un padre con due figlie".
La storia del Tabernacolo di "Canapone" è intrisa di riconoscenza, protezione e miracoli. È un luogo che invita alla riflessione e alla contemplazione, e rappresenta un tassello prezioso della storia di Bellosguardo.
Se sei in cerca di luoghi carichi di fascino e significato, non perdere l'occasione di visitare il Tabernacolo di "Canapone" a Bellosguardo. Questo monumento non solo offre uno spaccato affascinante della storia della Toscana, ma è anche un luogo di pace e contemplazione.

 

Altri articoli
Suorine di via Faentina
Suorine di via Faentina

Il 13 Gennaio 2016 il Convento delle Serve di Maria in Via Faentina stato dichiarato "House of Life".

Chiesa di Santa Maria degli Ughi
Chiesa di Santa Maria degli Ughi

Nel 1890 venne fu demolita e saccheggiata, segnando la fine di un importante capitolo della storia religiosa e architettonica fiorentina.

La chiesa dei Santi Pietro e Paolo
La chiesa dei Santi Pietro e Paolo

La chiesa è romanica-gotica del XIII-XIV secolo, trasformata nel XVIII secolo.

Metropolitana illustrata, prima parte
Metropolitana illustrata, prima parte

Il Braccio Toscano, usato per misurare i disegni dei monumenti italiani, equivale a 1 piede, 9 pollici e 6 linee del Piede di Parigi.