27 Ottobre 2017 · 1176 Views

La resistenza di Livorno 1849

La resistenza di Livorno (1849) di Giovanni Baldi.
Download in PDF Free
 
La Toscana — sotto lo scèttico Fossombroni — aveva saputo mantenersi fino ad un certo punto resistente alle pressioni del papato e dei gesuiti e da quelle dell'impero, e abbiamo veduto come, nel '21; sapesse tenersi immune dalle persecuzioni che, ferocissime, imperversarono altrove contro i Carbonari. Abbiaimo visto altresì come nel granducato avessero trovato, per un certo tempo, sicuro asilo non pochi profughi — tra i quali il generale Pepe e il Tommaseo. Possibile fu al Guerrazzi, a Carlo Bini, al Mayer, al Benci e al Demi far vivere, dal 1829 al 1830, anno in cui fu soppresso, l'Indicatore Livornese, ove scrisse anche il Mazzini; a Gian Pietro Vieusseux il fondare l'Antologia, che raccolse gli scritti de' nostri migliori. La Giovine Italia v' ebbi seguaci — tra essi il Bini, il Mayer, Pietro Bastogi — che n' era il cassiere — Pietro Thouar, che ne diffondeva le pubblicazioni, l'abate Contrucci di Pistoia e altri non pochi, finiti poi — i più — come Dio volle. Né le cospirazioni mancarono in Toscana; famosa per essere affogata nel ridicolo per colpa del moderato Libri e dall' avv. Salvagnoli, quella che ebbe il suo esito finale al veglione del giovedì grasso del 1831 al Teatro della Pergola in Firenze.
La resistenza di Livorno e le vicende della toscana1849
Casa Editrice Nerbini, 1905, Firenze.
 


 
 
 

Libri Free


La Casa di Dante


Studio del 1865, anno delle celebrazioni del Poeta, dove era situata la sua casa. Da scaricare e leggere sul vostro supporto elettronico preferito.

Leggi ora!

Carolina Invernizio


Carolina Maria Margaritta Invernizio (Voghera, 1851 – Cuneo, 27 novembre 1916) è stata una scrittrice italiana, è stata una fra le più popolari di fine...

Leggi ora!

Il Tumulto dei Ciompi: studio storico-sociale


Pertanto il nostro Tumulto, e per sé stesso e per le condizioni generali dei Co-muni, ha tale importanza che cessa di essere esclusivamente fiorentino, e in...

Leggi ora!

I gialli di Jarro alias di Giulio Piccini


Il ‘birro’ Domenico Arganti, detto Lucertolo, fa la sua apparizione nel primo giallo di una serie che Giulio Piccini (Jarro) pubblica nel 1883.

Leggi ora!

Visite guidate

nei luoghi che hanno segnato la loro storia: dal quartiere mediceo, rinnovato da Cosimo il Vecchio...
Venite con noi a scoprire queste storie nelle cui antiche camere incontreremo anche gli altri...
alle terrazze esterne del Duomo per la "passeggiata" a trentadue metri di altezza per regalare agli...
Visita per chi ama pedalare e stare all'aria aperta: Parco delle Cascine raccontando la sua storia.