Famiglia Compagni

Famiglia Compagni
11 ottobre 1751, il senatore cavaliere Braccio Compagni ottiene l'ascrizione al patriziato fiorentino.

La famiglia Compagni ha una lunga storia a Firenze e ha giocato un ruolo importante nella vita politica della città per diversi secoli. Originariamente provenienti dal territorio pisano, si stabilirono a Firenze nel XIII secolo. Uno dei membri più noti della famiglia fu Dino Compagni, che svolse un ruolo significativo nella politica fiorentina. Dino fu priore nel 1289 e nel 1301, nonché gonfaloniere nel 1293.È famoso per aver scritto una cronaca degli avvenimenti fiorentini tra il 1280 e il 1312.
I discendenti di Dino Compagni occuparono cariche politiche di rilievo nella città, con due membri che ricoprirono la carica di gonfaloniere a partire dal 1471 e ben 19 priori a partire dal 1509. Durante il periodo dei principati medicei e lorenese, alcuni membri della famiglia divennero senatori, mantenendo il loro influsso nella politica fiorentina.
Il palazzo di famiglia, noto come Palazzo Compagni, è situato in via Bufalini a Firenze ed è noto per le sue decorazioni risalenti ai secoli XVI e XVII.

Nonostante non ci siano molte personalità di spicco nella famiglia Compagni nei secoli successivi, hanno continuato a giocare un ruolo di rilievo a Firenze. Nel corso dei secoli, i Compagni ottennero riconoscimenti e onori, sebbene non abbiano prodotto figure particolarmente famose. La famiglia si è estinta nel ramo diretto con l'ultima discendente, Augusta Giovanna Compagni, che sposò Cesare Ranieri Perrone nel 1872, trasmettendo il nome e l'archivio dei Compagni a quella famiglia.

 

Arma: "D'oro alla banda di nero".
La banda era un distintivo delle antiche famiglie guelfe:
il nero simboleggia la fedeltà, l'oro la forza e il comando.
Altri articoli
Famiglia Bonaparte a Firenze
Famiglia Bonaparte a Firenze

I rapporti fra la famiglia Bonaparte e Firenze erano molto stretti, erano di fede ghibellina.

Famiglia Compagni
Famiglia Compagni

Famiglia fiorentina dal XIII secolo, hanno avuto un ruolo importante nella politica cittadina. Il più noto è Dino Compagni per la sua "Cronica"

La Cripta e il Sepolcreto
La Cripta e il Sepolcreto

La Cripta divenne il sepolcreto dei Medici nel 1791. Nel 1857-1858, Leopoldo II di Lorena vi trasferì definitivamente le spoglie dei Medici.

Famiglia Valori
Famiglia Valori

I discendenti della famiglia Rustichelli, i Valori, si distinsero nella lotta contro Enrico VII e contro il Duca di Atene.