21 Febbraio 2017 · 6072 Views

Famiglia Compagni

Famiglia Compagni
11 ottobre 1751, il senatore cavaliere Braccio Compagni ottiene l'ascrizione al patriziato fiorentino.
 
Forse originari del territorio pisano, i Compagni furono a Firenze sin dal XIII secolo. Dino, priore nel 1289 e nel 1301 e gonfaloniere nel 1293, scrisse la famosa cronaca dei fatti fiorentini fra 1280 e 1312. I suoi discendenti occuparono importanti cariche politiche ed ebbero, nel governo fiorentino, 2 gonfalonieri a partire dal 1471, e 19 priori a partire dal 1509. Sotto il principato ebbero alcuni senatori. Anche nei secoli successivi mantennero il ruolo di famiglia di rilievo in città, assurgendo spesso a onori nei periodi del principato medieco e lorenese, pur senza brillare in altre grandi personalità di spicco. Il loro palazzo familiare, palazzo Compagni, si trova in via Bufalini a Firenze, ed è ricco soprattutto di decorazioni sei-settecentesche.​
Dei figli di Braccio (1615-1677) di Andrea (1570-1618) e di Maddalena di Giovanni Anselmo Cavalcanti, che lasciò alla famiglia del marito beni ed archivio paterni, Giovanbattista (1660-1722), fu eletto senatore nel 1708 ed ebbe la carica di soprassindaco del Nove conservatori della giurisdizione fiorentina. La famiglia proseguì con la discendenza del fratello di Giovanbattista, Andrea Maria (1658-1718), dapprima marito di Niccola Corbinelli (+ 1710) che portò ai Compagni parte delle cate di famiglia, poi, vedovo, fu prete e canonico della Metropolitana fiorentina. Suo figlio Braccio Maria Francesco (1621-1762) fu cavaliere di S. Stefano e soprintendente delle possessioni di quell'Ordine, sposò Nera di Matteo Tolomei (+ 1742) ed ebbe Andrea Niccolò (1732-1769). Braccio Francesco (1762-1808), figlio primogenito di questi e di Maria Antonia di Ottaviano Naldini (+ 1809), aveva sposato Maria Maddalena di Giuseppe Riccardi, ma non ebbe discendenza. Fu il secondogenito Ottaviano (1764-1837), ciambellano di corte e marito di Giovanna del cav. Brunaccini, erede della dei beni della sua famiglia, dama di corte di Elisa Baciocchi, poi dei granduchi Ferdinando III e Leopoldo II, a generare l'erede Andrea (n. 1802) che dalla moglie Giulia di Francesco Chimelli ebbe Augusta Giovanna (1845-1929). Questa fu l'ultima Compagni che sposò, nel 1872, Cesare Ranieri Perrone, e lasciò a quella famiglia nome ed archivio.​
 



Arma: "D'oro alla banda di nero".
La banda era un distintivo delle antiche famiglie guelfe:
il nero simboleggia la fedeltà, l'oro la forza e il comando.

Famiglie Fiorentine


Il calderaio Bartolomeo Masi


Le Ricordanze del calderaio fiorentino sono una preziosissima fonte storica. In esse troviamo la cronaca di svariati eventi politici e storici riguardanti...

Leggi ora!

Famiglia Acciaioli


La famiglia Acciaioli (anche Acciaiuoli, Acciajuoli, Accioli o Accioly) è una delle più famose famiglie di Firenze. Un ramo della famiglia ebbe numerosi...

Leggi ora!

Famiglia Bonaparte a Firenze


I rapporti fra la famiglia Bonaparte e Firenze erano molto stretti, erano di fede ghibellina che nel 1200, a seguito della vittoria dei guelfi, dovettero...

Leggi ora!

Famiglia Valori: Niccolò e Bartolomeo


Nicolò Valori di Taldo continuò la carriera politica di alto profilo, Bartolomeo Valori di Niccolò Fu imparentato con l' architetto Ghiberti il quale gli...

Leggi ora!

Visite guidate

Oltre 750 opere per 720 anni di storia. La maggiore concentrazione di scultura monumentale...
Ingresso gratuito ai possessori della "Card del Fiorentino".
Vi proponiamo un tour diverso che vi farà vedere da una prospettiva del tutto nuova il cuore di...
Caccia alla storia e al divertimento. Anche nelle calde sere, da maggio a settembre, tempo...