01 Novembre 2017 · 8911 Views

Allegoria di Firenze che trionfa su Pisa

Allegoria di Firenze che trionfa su Pisa
Giambologna, 1575 circa, Museo del Bargello
 
Unanime fu il giudizio dei contemporanei del nostro Maestro nel riconoscere l’eccellenza di quest’opera la quale, sebbene non sia molto conosciuta ed apprezzata ai nostri giorni, tuttavia può dirsi fra le più notevoli del Giambologna. Dobbiam osservare però, che se, come abbiam già notato, il gruppo avrebbe dovuto rappresentare Firenze che sottomette Siena o qualche altra città nemica, non manca chi attribuisca alla composizione un senso allegorico più generale. C’è, infatti, chi ha voluto vedervi rappresentata la Vittoria che ha atterrato l'oppressore; altri, e questi sono i più, la Virtù che sottomette il Vizio.
Oh! potenza del simbolismo!
La Virtù, dunque, ha atterrato il vizio. Non siamo però dinanzi all’episodio della lotta, bensì a quello del trionfo: ecco perchè anche il titolo la Vittoria non può dirsi, a stretto rigore, improprio.
La Virtù è simboleggiata da una donna nuda in tutto lo splendore della bellezza e della giovinezza.
E la figura è modellata con tale compostezza; c’è tanta maestà, calma e sentimento della propria forza che il Cicognara, conoscitore profondo e mente acutissima, non esitò ad attribuire quest’opera Michelangelo. La testa della bella creatura è inghirlandata di lauro, le spalle e il volto sono di una esecuzione magnifica.
La bella figura posa con un piede sopra un prigioniero incatenato e ripiegato su sè stesso, movimento quanto mai diffìcile e disagiato e pur reso con lodevole senso di verità, sebbene questa azione forzata debba essere stata per lo scultore irta di difficoltà.
Sotto al prigioniero sta accasciata una volpe, simbolo convenzionale della astuzia e della perversità.
Notiamo di sfuggita che di questo gruppo esisteva fino a poco tempo fa, e crediamo esista tuttora presso
Palazzo Vecchio, un modello della stessa grandezza del gruppo in marmo (alto metri 2 e 85 cm.), eseguito con terra di un tono verdastro, assai pittoresco per la tinta speciale della patina.
Esso pure venne eseguito dal Giambologna, e per la sua rara bellezza, e per la sua incontrastata originalità è veramente degno di ammirazione.​
Patrizio Patrizi, Il Giambologna, MI, Tipografia L.F. Cogliati, 1905.




Allegoria di Firenze che trionfa su Pisa


Particolare


 

Arte


Adorazione del Bambino di Camaldoli di Filippo Lippi


La pala venne commissionata, secondo Vasari, da Lucrezia Tornabuoni per una cella del monastero di Camaldoli, fatto ricostruire da suo marito Piero nel 1463....

Leggi ora!

Beato Angelico


Fu Giorgio Vasari, ne Le vite ad aggiungere al suo nome l'aggettivo "Angelico".

Leggi ora!

Acquasantiera dalla Collegiata di Empoli


La bella l'acquasantiera di marmo è del 1557 commissionata da Andrea di Alessandro Zuccherini a Battista di Donato Benti

Leggi ora!

Primavera di Botticelli


Si tratta del capolavoro dell'artista, nonché di una delle opere più famose del Rinascimento italiano. Il suo straordinario fascino che tuttora esercita sul...

Leggi ora!

Visite guidate

Caccia alla storia e al divertimento. Anche nelle calde sere, da maggio a settembre, tempo...
Donatello ebbe la capacità di infondere umanità e introspezione psicologica alle opere.
Vi proponiamo un tour diverso che vi farà vedere da una prospettiva del tutto nuova il cuore di...
Tempio Maggiore Israelita di Firenze, e dopo andremo al ristorante kosher, se siete interessati.