20 Ottobre 2015 · 8055 Views

Palazzo Pitti: Le Conseguenza della Guerra

Le Conseguenza della Guerra
 
Le Conseguenze della Guerra è un suggestivo olio su tela di Pieter Paul Rubens del 1638, conservato a Palazzo Pitti.
Il pittore di corte di
casa Medici, Suttermans, chiese al collega ed amico Rubens la realizzazione di tale opera, la quale fu venduta successivamente al Gran Principe Ferdinando de' Medici nel 1691. Il dipinto ebbe vari spostamenti, probabilmente fu esposto anche nella Tribuna degli Uffizi e nel periodo napoleonico fu trasferito a Parigi per poi tornare a Firenze nel 1815.
In questo quadro Rubens presentò gli atroci orrori consumati durante la guerra dei Trent'anni, attraverso una vivida chiave allegorica, caratterizzata da repentini contrasti di colore, i quali contribuiscono ad incalzare il ritmo concitato della scena. Al centro, un atletico Marte impugna una sciabola insaguinata ed è strappato dalle braccia di Venere dalla Furia, simbolo della discordia tra i popoli. Il dio della guerra nel suo incedere distrugge l'Armonia e la Carità, la prima rappresentata  come una donna con un liuto rotto e la seconda come una madre col bambino; ma la guerra devasta anche le comodità costruite dall'uomo, tale concetto è raffigurato dal personaggio nell'angolo inferiore di destra riverso a terra, mentre tiene in mano gli strumenti dell'architetto. Sullo sfondo del lato destro, tra i densi fumi della battaglia, si scorgono due presenze mostruose: la Peste e la Carestia. Spostando l'attenzione sulla parte sinistra dell'opera, alle spalle di Venere, si è colpiti dalla disperazione della donna con il manto nero, che drammaticamente alza lo sguardo e le braccia al cielo: ella è l'Europa dilaniata dalle guerre della sua stessa gente; dietro di lei un bambino che detiene un globo con una croce simboleggia la cristianità abbandonata. All'estrema sinistra si scorge il tempio di Giano con le porte spalancate; nell'antica Roma esse rimanevano aperte solo in tempo di guerra.
In questa tela Rubens pur non raffigurando eserciti, duelli, città distrutte, riesce a coinvolgere l'uomo, inducendolo a riflettere sulle conseguenze delle proprio guerre.

 

Le Conseguenze della guerra è un dipinto a olio su tela (206x305 cm) di Pieter Paul Rubens, databile al 1637-1638 e conservato nella Galleria Palatina a Firenze, nella Sala di Marte.

Pieter Paul Rubens, 1637-1638, Galleria Palatina, Firenze
 

© Marco Bartocci Guida Turistica per Firenze e provincia.
 
 

Arte


Simone Martini, pittore


La personalità di Simone appare pienamente formata fin dalla prima opera documentata, l'affresco con la Maestà nel Palazzo pubblico di Siena, datato 1315.

Leggi ora!

Federico Andreotti, pittore


Andreotti si dedicò all'olio, all'acquerello ma anche all'affresco, dipingendo paesaggi, ritratti, figure femminili, scene di genere, scene storiche e nature...

Leggi ora!

Tito Chelazzi


Tito Chelazzi fu chiamato dal suo maestro Alessandro Martini come aiutante per restaurare il dipinto miracoloso nella basilica di Santissima Annunziata

Leggi ora!

Giovan Battista Paggi


Nonostante l'incoraggiamento di artisti quali Gaspare Forlani e Luca Cambiaso, continuò a coltivare la passione per la pittura solo a livello di passatempo e...

Leggi ora!

Visite guidate

Nella zona collinare di Castello, visibile dalla sottostante zona di Rifredi, si erge una delle...
Questa visita vi porterà alla scoperta dei reperti ospitati in questo bellissimo museo che è il...
Il nuovo palazzo della famiglia Medici, che prima abitavano nella zona di Piazza della Repubblica,...
Oltre 750 opere per 720 anni di storia. La maggiore concentrazione di scultura monumentale...