San Quirico d'Orcia

San Quirico d'Orcia

Tra pellegrinaggi, ospitalità e tradizioni gastronomiche


San Quirico d'Orcia è una località storica di grande importanza commerciale. Già nel 994 l'Arcivescovo di Canterbury Sigeric menzionava San Quirico d'Orcia come una delle principali tappe della via Francigena, una strada di grande traffico che attraversava il paese. Questa via commerciale si estendeva lungo il nucleo più antico e fortificato del paese, che era situato su un crinale e comprendeva Porta Cappuccini, la chiesa di San Francesco (Fig. 1) e Palazzo Chigi Zondadari (Fig. 2).
Il borgo, che si sviluppava lungo la via Francigena, ospitava numerose botteghe, laboratori e osterie, confermando l'importanza di San Quirico come centro commerciale. Lungo questa via si trovava anche la Grancia (*) dell'Ospedale di Santa Maria della Scala di Siena (Fig. 3), che serviva come magazzino di prodotti agricoli e alimentari, nonché come luogo di accoglienza per i viaggiatori e i pellegrini.
San Quirico ospitava anche importanti eventi come il mercato settimanale, la Fiera di Giovedì Grasso, la Fiera di Settembre, la Festa del Barbarossa, la Festa della Madonna e la Festa dell'Olio. Lungo la via Francigena, che in seguito divenne la Strada Regia Romana, si trovano anche i principali monumenti della città, come la Collegiata (Fig. 4), il Palazzo Chigi Zondadari, la chiesa di San Francesco, il giardino degli Horti Leonini (Fig. 5), la chiesetta romanica di Santa Maria (Fig. 6), l'antica Grancia dell'Ospedale di Santa Maria della Scala e il piccolo Giardino delle Rose (Fig. 7).
Oggi, la via medievale è diventata via Dante Alighieri e le antiche botteghe e osterie sono state convertite in bar, ristoranti e negozi di prodotti tipici. La pedonalizzazione della via, grazie alla costruzione di una strada di circonvallazione, ha permesso di valorizzare ulteriormente la strada e la qualità urbana attraverso interventi di restauro delle pavimentazioni e delle facciate degli edifici.
(*) Il termine "grancia" indica un'antica struttura agricola che svolgeva molteplici funzioni nel Medioevo e nel Rinascimento italiano. In particolare, le grance erano grandi magazzini rurali utilizzati per immagazzinare prodotti agricoli come cereali, legumi, vino, olio, carne e formaggi, che venivano poi venduti o utilizzati per soddisfare i bisogni della popolazione locale e dei viandanti che percorrevano le strade medievali come la via Francigena. Le grance erano spesso di proprietà di ordini religiosi come i frati dell'Ospedale di Santa Maria della Scala di Siena o di grandi signori feudali, e rappresentavano un importante centro di potere economico e sociale nella campagna italiana dell'epoca. Le grance erano in genere dotate di una cappella per la preghiera, di una stalla per i cavalli e i buoi dei contadini, e spesso fornivano anche alloggio e assistenza ai pellegrini e ai viaggiatori che percorrevano la via Francigena.

Chiesa di San Francesco a San Quirico d'Orcia
(Fig. 1) Chiesa di S. Francesco
Palazzo Chigi Zondadari a Castiglione d'Orcia
(Fig. 2) Palazzo Chigi Zondadari 
Ospedale di Santa Maria a San Quirico d'Orcia
(Fig.3) Ospedale di Santa Maria della Scala
Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta
(Fig. 4) Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta
Horti leonini a San Quirico d'Orcia
(Fig. 5) Horti Leonini
 Chiesetta romanica di Santa Maria a San Quirico d'Orcia
(fig. 6)  Chiesa romanica di Santa Maria
Giardino delle Rose a San Quirico d'Orcia
(Fig- 7) Giardino delle Rose

Gli edifici che componevano l'antico ospizio hanno conservato le strutture murarie tre-quattrocentesche della grancia,
con l'ampio cortile interno, il piano e i diversi ambienti, tra cui un bel loggiato architravato al primo piano. 

Altri articoli
Il Magnifico Pandolfo Petrucci
Il Magnifico Pandolfo Petrucci

Pandolfo Petrucci: l'astuto signore di Siena che trasformò la città in una potenza rinascimentale attraverso intrighi e alleanze.

Pienza, capolavoro rinascimentale
Pienza, capolavoro rinascimentale

Un gioiello rinascimentale unico, trasformata da un visionario, Papa Pio II, che la plasmò come città ideale.

La Cappella di Vitaleta
La Cappella di Vitaleta

La cappella di Vitaleta rientra in una fase progettuale contraddistinta da gusto ibrido e da un disinvolto accostamento di stili.

Villa Brandi
Villa Brandi

La villa risalente al XVI secolo, fu la dimora dello storico dell'arte Cesare Brandi. Conserva opere d'arte, arredi storici e una ricca biblioteca.