09 Febbraio 2020 · 2437 Views

Piazza della Calza

Piazza della Calza



 
Piazza della Calza – si trova dentro Porta Romana, tra via Romana e via de' Serragli. Il nome è di origine popolare, riferito sia alla piazza sia alla chiesa. Deriva dalla forma, a calza, del cappuccio che portavano i Frati Ingesuati, un antico ordine minore che aveva lasciato il convento originario di S. Giusto alle Mura, distrutto poco prima dell'assedio di Firenze di metà sec. XVI. Cosimo II de' Medici ordinò una grandiosa composizione presso la porta. Giovanni da S. Giovanni vi rappresentava un soggetto mitologico ed allegorico: da un lato, Marte, Minerva e Mercurio danzavano al suono della lira di Apollo; dall'altro, Firenze se ne stava seduta in trono regale, vestita dell'abito dell'ordine di S. Stefano, in mezzo a Pisa e a Siena. Flora e le quattro stagioni le recavano omaggio, mentre l'Arno era rappresentato, al solito, da un Galata giacente accanto ad un vaso colmo di acqua sgorgante. In alto, rifulgeva lo stemma mediceo posto tra la Vigilanza e la Giustizia.
Sui resti rovinati e in pieno degrado, nel 1954 Mario Romoli ha dipinto un'altra parata di glorie cittadine, con Dante, Giotto, Masaccio, Rosai, Soffici, Papini.​


 
 

Toponomastica


Toponomastica: Via Giovanni da Verrazzano


La denominazione, deliberata dalla giunta comunale nel luglio del 1901, è un omaggio al navigatore Giovanni da Verrazzano

Leggi ora!

Toponomastica: Via Pellicceria


Una volta si chiamava Via dei Pellicciai, perché si trovavano i laboratori e i negozi di pellicciai, più lunga e più stretta dell’attuale.

Leggi ora!

Toponomastica: Borgo la Croce


La via collega piazza Cesare Beccaria a piazza Sant'Ambrogio, in corrispondenza di via de' Macci.

Leggi ora!

Toponomastica: Piazza di Parte Guelfa


Toponomastica: Piazza di Parte Guelfa

Leggi ora!

Visite guidate

“Dal Cupolone si vede il Vesuvio” diceva Riccardo Marasco
In questa sala si rifugiò Lorenzo il Magnifico durante la cosidetta Congiura de' Pazzi.
Museo di San Marco. Visiteremo gli splendidi spazi architettonici del convento, delle celle e del...
Un luogo dove tutto è rimasto uguale nel corso dei secoli.