21 Agosto 2022 · 281 Views

Le Vie Cave di Pitigliano

Le Vie Cave di Pitigliano
 
Appena sono arrivato a una delle Vie Cave, una domanda mi è sorta spontanea:  a cosa servivano queste vie? C'è chi sostiene che queste sono delle vere e proprie strade di comunicazione, scavate con fatica nel tufo per mettere in comunicazione i vari centri abitati e cercare di ridurre al minimo i tanti dislivelli che ci sono tra il fondovalle e il piano sopra. Altri invece le considerano dei percorsi sacri dove ogni giorno venivano svolte cerimonie e processioni per i defunti. Poi ci sono altri studiosi che affermano che le vie fossero opere di ingegneria per far defluire le acque. Ancora troppe domande, forse un giorno verranno trovati nuovi indizi e si concluderà questa diatriba.

 
Le Vie Cave di Pitigliano con #ConosciFirenze
 

“Partendo dall'Ufficio informazione ed accoglienza turistica in Piazza Garibaldi e scendendo per la scalinata della Selciata (Piazza Petruccioli), si percorre la passeggiata panoramica intorno al paese fino al Cammino del Londini. Da qui, si arriva alla via cava dell'Annunziata. Si prosegue poi per la via cava di San Giuseppe, per la via cava di Fratenuti e infine per la via cava Madonna delle Grazie. Per rientrare nel centro storico di Pitigliano, si risale per la via cava Poggio Cani raggiungendo così la porta di Sovana (Piazza A. Berni). Percorrendo via Roma o via Zuccarelli si torna in Piazza Garibaldi”.
 

Le Vie Cave di Pitigliano con #ConosciFirenze
 

Nella vallata che circonda Pitigliano, lungo i declivi rupestri di origine vulcanica, furono aperti dagli Etruschi dei grandi camminamenti tagliati all'interno della roccia tufacea. Questi ombrosi e lunghi corridoi, profondi sino a quindici metri e più, sono detti vie cave o "tagliate". Il tracciato di questi percorsi semi-sotterranei coincide puntualmente con l'attraversamento di una necropoli. Le vie cave sono in media lunghe mezzo chilometro, larghe sui tre metri.


Le Vie Cave di Pitigliano con #ConosciFirenze


La profondità varia. Sulle alte e diritte pareti sono riconoscibili incisioni, cifre e simboli di varie epoche (etrusca, romana, medioevale).
Alcuni tratti tipici delle vie cave: il percorso ad andamento curvilineo, talvolta dedalico; il discendere dalla cima di un poggio sino al fondovalle; la presenza di una scalinata scolpita nel tufo, posta sulla parte alta del percorso (vie cave di San Giuseppe, del Gradone, dell'Annunziata); lo sdoppiarsi del percorso in diramazioni e passaggi secondari; la presenza di tombe situate sulla sommità e dietro le pareti delle vie cave.
Nella sola valle di Pitigliano si contano almeno una decina di vie cave: del Pantano, di S. Lorenzo, del Gradone, della Madonna delle Grazie, di Fratenuti, di San Giuseppe, dell'Annunziata, di Concelli, di Pietralata, di Poggio Cani.

 

Cliccare o tap tap sulle foto per ingrandirle.
 
Le Vie Cave di Pitigliano con #ConosciFirenze


Le Vie Cave di Pitigliano con #ConosciFirenze


Le Vie Cave di Pitigliano con #ConosciFirenze


Le Vie Cave di Pitigliano con #ConosciFirenze

Le foto sono di Conosci Firenze

Tempi Moderni


Borgo Santa Croce


Borgo Santa Croce un luogo di grande interesse storico. La pavimentazione è stata completamente sistemata.

Leggi ora!

San Giorgio e il Drago, restaurato


Tabernacolo di San Giorgio e il Drago. Un dipinto realizzato negli anni '80 collocato in un antico tabernacolo di Via dei Pepi all'angolo con via dei Pilastri.

Leggi ora!

normativa fact-checking deontologia correzioni proprietà team-editoriale


Normativa fact-checking e deontologia, correzioni, proprietà e team editoriale

Leggi ora!

Le Grotte di Maurizio


In mezzo alle bianche rocce calcaree del torrente si nascondono le sculture dell'eremita Maurizio.

Leggi ora!

Visite guidate

Entreremo anche nella sede della Loggia Massonica del Grand'Oriente Italia. Un appuntamento...
Con questo webinar avremo modo di decodificare insieme i contenuti simbolici sottesi al complesso...
Tra religione, astronomia e panorami esclusivi, solo all'osservatorio Ximeniano
Oltre 750 opere per 720 anni di storia. La maggiore concentrazione di scultura monumentale...