12 Settembre 2021 · 137 Views

Val D'Orcia, perfetta, essenziale

Val D'Orcia
una emozione infinita
 

... Pausa di privilegio alla mia traversata – sosta che l’animo in accelerazioni di slanci desidera smanioso e quasi ingordo – è la terra orciana, quella più alta, oltre San Quirico, fino a Montepulciano, a Pienza. Visione che appare come un fondale della memoria o un luogo del sogno su cui un oscuro senso esaltato percepisce il brivido d’una misteriosa ventilazione. Lassù, infatti, il vento è una specie di respiro misterioso del pianeta.
Mario Luzi da Terra di vento e di deserto in Mi guarda Siena


Nel cuore della Terra di Siena c'è un paesaggio perfetto, essenziale.

Lo compongono colline, calanchi (1), il corso sinuoso del fiume, i cipressi che coronano isolati le alture o che seguono, in ordinati filari, l'andamento delle strade. Sui colli, borghi e monumenti isolati di straordinario fascino sorvegliano boschi di querce, oliveti, i vigneti dove si producono il Brunello e gli altri grandi vini di questa parte di Toscana.


 
Val D'Orcia con #ConosciFirenze

 
A occidente chiude il paesaggio il Monte Amiata, il più alto vulcano spento d'Italia. Ma l'emozione arriva prima di tutto dai colli.
Oggi la Val d'Orcia è tutelata da un Parco al tempo stesso artistico, naturale e culturale.
Aiutano a scoprirla i sentieri, le guide e i dépliant, i musei. Prima di tutto, però, la più bella valle della Toscana è un'emozione.

 

Val D'Orcia Siena con #ConosciFirenze
 
 

Quella che si prova a Radicofani quando si arriva da Viterbo e da Roma; sul valico della Foce se si proviene da Chianciano e da Chiusi; alla Rocca a Tentennano quando si torna alla luce dopo aver traversato le scure foreste dell'Amiata.
Vasta, ondulata, accogliente, la valle sembra spalancarsi davanti al viaggiatore come un unico, accogliente sorriso.


 
Val D'Orcia Siena con #ConosciFirenze
 

Arrivando da nord, cioè da Siena e Firenze, la transizione dalle Crete alla Val d'Orcia è più sfumata.
il paesaggio resta aspro, le colline si fanno più alte e imponenti, l'ampio greto dell'Ombrone lascia lo spazio a una valle più stretta e più sinuosa.


 
Val D'Orcia Siena con #ConosciFirenze
 
 
 

Si diradano gli affioramenti cretosi e i calanchi. I borghi che coronano i colli diventano delle piccole città ricche di monumenti e di storia.

 
Val D'Orcia Siena con #ConosciFirenze
 


E' l'approccio duro, severo, notato da Mario Luzi e da molti altri viaggiatori. Per questa via sono arrivati in Val d'Orcia pellegrini, papi, condottieri, mercanti. Tra loro Carlo Magno, l'arcivescovo Sigeric, i Medici diretti alle acque di Bagno Vignoni.

 
 

(1) ​I calanchi sono un fenomeno geomorfologico di erosione del terreno che si produce per l'effetto di dilavamento delle acque su rocce argillose degradate, con scarsa copertura vegetale e quindi poco protette dal ruscellamento: si tratta (più semplicemente) dei profondi solchi nel terreno lungo il fianco di un monte o di una collina.

 
Val D'Orcia Siena con #ConosciFirenze

Val D'Orcia Siena con #ConosciFirenze


Val D'Orcia Siena con #ConosciFirenze

Tempi Moderni


Borgo Allegri


Borgo Allegri un luogo con poco interesse storico ma molto popolare e con una pavimentazione disconnessa e potenzialmente pericolosa se si cammina o si usano...

Leggi ora!

Conosci Firenze, competenza e serietà


Copiare il lavoro degli altri riesce a tutti e non implica l'uso della propria inventiva, capacità di impegnarsi o dimostrare il proprio valore culturale.

Leggi ora!

Scegli il meglio per te...


Per trovare guide professioniste contattaci: Info@conoscifirenze.it

Leggi ora!

Via Michelangiolo Buonarroti


Via Buonarroti il brutto biglietto da visita per tutti coloro che visitano la Casa Museo di Buonarroti.

Leggi ora!

Visite guidate

Visita guidata al cimitero detto delle Porte Sante situato sul colle di San Miniato al Monte.
Caccia alla storia e al divertimento. Anche nelle calde sere, da maggio a settembre, tempo...
Museo di San Marco. Visiteremo gli splendidi spazi architettonici del convento, delle celle e del...
Una lezione tutta dedicata al più grande poeta del Medioevo, arrivato fino ad aggi e giustamente...