12 Febbraio 2015 · 7668 Views

Giuseppe Conti racconta: Borgo la Croce

Giuseppe Conti racconta "Borgo la Croce"

Giuseppe Conti racconta

Bella ed elegante immagine del 1900/20 di Borgo la Croce, molta differenza rispetto a quella che è diventata negli ultimi anni, anche a scapito di una chiesa come Sant'Ambrogio, insomma fuori dalle mete turistiche poco intelligenti.

Ma come era questa via alla metà dell'ottocento? 
"Quivi erano alcune casette di povera gente, per le quali lo sterrato del vicolo teneva luogo di sala, e di qualche cosa di peggio. Di più c'era una concia, una fabbrica di candele di sego ed una stalla, dove si rimettevan le bufale in giorno di mercato. Passar da quel vicolo e non rimanere ammorbati, poteva ammettersi a un miracolo." Giuseppe Conti, storico fiorentino.

I vecchi libri raccontano


Una riflessione in Fiacres!


Collodi descrive i primi viaggiatori-pionieri di un mondo che cambia alla velocità di una macchina a vapore. Un viaggio nell'Ottocento toscano sospeso fra...

Leggi ora!

Fiorentino maleducato o ironico?


I veri fiorentini sono maleducati, arroganti e presuntuosi? No, sono ironici, realisti e guardano l'oggi con occhio critico.

Leggi ora!

Prima della Biblioteca Nazionale


La letteratura ricorda il "delizioso giardino" per il suo piacevole disegno, e per la notevolissima estensione.

Leggi ora!

Arco della Costa Scarpuccia


Per quanto scarsamente frequentata, per il suo rapido salire e per il suo offrire alcuni suggestivi scorci sulla città, la strada è da considerarsi di...

Leggi ora!

Visite guidate

alla Basilica di San Miniato al Monte, una delle Chiese più antiche della città con strie e...
Il percorso farà scoprire i luoghi della città in cui Dante camminò e visse. Traccia dopo...
Caccia al tesoro...addio al nubilato e celibato. Anche nelle calde sere, da maggio a settembre,...
La Galleria deve la sua vasta popolarità alla presenza di alcune sculture di Michelangelo: i...