12 Febbraio 2015 · 10994 Views

Giuseppe Conti racconta: Borgo la Croce

Giuseppe Conti racconta "Borgo la Croce"

Giuseppe Conti racconta

Bella ed elegante immagine del 1900/20 di Borgo la Croce, molta differenza rispetto a quella che è diventata negli ultimi anni, anche a scapito di una chiesa come Sant'Ambrogio, insomma fuori dalle mete turistiche poco intelligenti.
Ma come era questa via alla metà dell'ottocento? 
"Quivi erano alcune casette di povera gente, per le quali lo sterrato del vicolo teneva luogo di sala, e di qualche cosa di peggio. Di più c'era una concia, una fabbrica di candele di sego ed una stalla, dove si rimettevan le bufale in giorno di mercato. Passar da quel vicolo e non rimanere ammorbati, poteva ammettersi a un miracolo." Giuseppe Conti, storico fiorentino.

I vecchi libri raccontano


Una riflessione in Fiacres!


Collodi descrive i primi viaggiatori-pionieri di un mondo che cambia alla velocità di una macchina a vapore. Un viaggio nell'Ottocento toscano sospeso fra...

Leggi ora!

Viale dei Colli, seconda parte


Sulla cima pianeggiante d’uno dei colli d’Arcetri sta il piazzale Galileo, uno dei più bei punti della magnifica passeggiata che noi percorriamo.

Leggi ora!

Manifesto dei Pittori Futuristi.


Caratteristiche della pittura futurista avrebbe dovuto essere l'abolizione della prospettiva tradizionale e il moltiplicarsi dei punti di vista...

Leggi ora!

Ritorno a casa, Firenze


Sono divenuto impaziente — vorrei avere le ali ai piedi — il treno fila via veloce, ma a me sembra che vada troppo piano.

Leggi ora!

Visite guidate

Tra religione, astronomia e panorami esclusivi, solo all'osservatorio Ximeniano
Entreremo anche nella sede della Loggia Massonica del Grand'Oriente Italia. Un appuntamento...
Passeremo nei luoghi che hanno segnato il potere di questa illustra famiglia.
Urban Trekking. Passeggiare a Firenze, un museo a cielo aperto