20 Luglio 2019 · 326 Views

Tronco ferroviario Firenze - Prato

Tronco ferroviario Firenze - Prato

 
Stazione Maria Antonia
 
In Toscana il primo tronco fu da Pisa a Livorno; molti fiorentini, per godere la novità si recavano a Pisa con le diligenze dell'Orcesi (1) che partivan da Firenze a cinque cavalli e vi arrivavano dopo nove ore. Quel viaggio era pieno di emozioni; poiché ogni poco arrotavano con qualche baroccio o carrozza che facevan trabaltare, ed eran litigi e bestemmie e correvan quasi quasi il pericolo di non continuare la gita.
 


Veduta del Mercato dell'erba sulla Piazza Vecchia di Santa Maria Novella

Quando più tardi, nel 1847 fu aperto il tronco Firenze - Prato la «Società Anonima di detta Strada Ferrata» che si chiamò Maria Antonia, perché non si poteva far nulla di nuovo, se non si battezzava col nome della Granduchessa, rivolse preghiera al Comune di trasferire altrove il Mercato del fieno e dell'erba che si teneva nella Piazza Vecchia di Santa Maria Novella (oggi Piazza dell'Unità Italian), «onde render libera quella piazza alla circolazione dei legni per il trasporto dei passeggeri e delle merci d'arrivo e di partenza.» Ed il Magistrato nel 29 dicembre 1847 «riconosciuto indispensabile il detto provvedimento» stabilì che il mercato dell'erbaggi si facesse nella Piazza d'Ognissanti; e quello del fieno nella Piazza dell'Uccello (oggi Piazza del Cestello).
E così i buoni fiorentini, per andare a Prato, non inciampavan più nelle carote, nei broccoli o nei cavoli.

(1) Luigi Orcesi, il piacentino che introdusse le prime “diligenze” nelle zone granducali.
A Firenze la più grande impresa operante nel settore era la "Diligenze Toscane" di proprietà di Luigi Orcesi, che, dalla sua sede in via Taddea, faceva corse regolari per Milano, Bologna, Roma, Napoli, Livorno e Pisa.

 


Stazione di Maria Antonia
 
 
 


Veduta del Mercato dell'erba sulla Piazza Vecchia di Santa Maria Novella

Curiosità


Quartieri e Confaloni, le antiche divisioni


La città di Firenze dal 1343 è divisa in quattro quartieri storici. Caratterizzate ognuna da un colore, le quattro suddivisioni prendono il loro nome da un...

Leggi ora!

Lo scomparso Comune di Pellegrino


Il comune del Pellegrino si distingueva per non avere un capoluogo vero e proprio e derivava il suo nome dal vicino e celeberrimo Ospedale del Pellegrino di...

Leggi ora!

Il Gigante dell'Appennino


Si narra che, visto il risultato ottenuto con il Colosso dell'Appennino, fu coniata la celebre frase che recita: "Giambologna fece l'Appennino ma si pentì...

Leggi ora!

Grotta di Cupido


La Grotta di Cupido è uno fra i pochi manufatti superstiti della Pratolino di Francesco I. Realizzata nel 1577 da Bernardo Buontalenti è giunta sino a noi...

Leggi ora!

Visite guidate

Pienza e Montepulciano. Una visita guidata per conoscere questi due splendidi paesi.
Sapremo cosa univa Botticelli e Leonardo, scopriremo cos'erano le "stufe" e le "tamburazioni"....
Intrighi, delitti e morte, le tappe della terribile giornata, di quella che è passata alla storia...
Camminata per le strade del centro per conoscere la Gina e l’Albertina, e Madame Saffo. Insieme...