07 Marzo 2018 · 4568 Views

Carlo Ademollo, pittore

Carlo Ademollo
(Firenze, 9 ottobre 1824 – Firenze, 15 luglio 1911)​


Ademollo (Carlo) pittore fiorentino, dimorante a Figline, nato nell'ottobre del 1825 (nato nel 1824) a Firenze, da una famiglia chediede artisti e lettorati (egli è nipote dell'illustre Luigi Ademollo nato nel 1704 morto nel 1849); entrato nel 1838 all'Accademia di Belle Arti, trasse particolarevprofitto dalle lezioni del Bezzuoli; fu eletto professore corrispondente il 14 marzo 1889. Pittore a grandi effetti, dipinge in modo facile e largo, cercando la sua più frequente inspirazione da soggetti di storia nazionale, che resero popolare e simpatico in Toscana il suo nome. La Galleria di quadri moderni, nell'Accademia di Belle Arti di Firenze, possiede due quadri di questo pittore insigne: L'ultimo assalto a San Martino e Anna Cuminello forzata dagli Austriaci ad attingere acqua, episodio della battaglia di Varese. Ricordiamo inoltre tra i suoi dipinti più vistosi: l'incontro di Garibaldi con Vittorio Emanuele al Volturno; La Morte di Cairoli a Varese; La Condanna del Frate Ugo Bassi; Stanislao Rechi che va a morte; La Breccia di Porta Pia; L'eccidio della famiglia Taviani; Un episodio del disastro di Casamicciola che fu esposto all' Accademia delle Belle Arti di Firenze. Dipinse inoltre dal vero parecchie vedute dell'Appennino toscano, e molti ritratti, tra i quali fu particolarmente ammirato quello dell'avvocato Serbatisti. La maggior parte de' suoi quadri non rimarrà soltanto come opera d'arte, ma anche come documento appassionato di storia contemporanea.

Tratto da Angelo De Gubernatis - Ugo Matini, Dizionario degli artisti italiani viventi, pittori, scultori e architetti, Firenze, Tip. dei successori Le Monnier, 1889​

Angelo De Gubernatis (Torino, 7 aprile 1840 – Roma, 26 febbraio 1913) è stato uno scrittore, linguista e orientalista italiano.

Nel 1906 fu candidato al Premio Nobel per la letteratura.
Una parte delle sue collezioni di reperti raccolte nei suoi viaggi in India è confluita nel Museo Antropologico di Firenze. (
Fonte Treccani)


 

Incontro a Teano


Terremoto a Casamicciola


Attraverso le montagne



Povertà


Artista



 

Arte


Pulpito (Dettaglio). San Leonardo.


Nella piccola Chiesa di San Leonardo in Arcetri vi è lo stupendo pulpito detto "di Dante", da cui si dice abbia parlato il sommo poeta e anche il Boccaccio.

Leggi ora!

Madonna del Magnificat di S. Botticelli


La forma circolare era tipica di opere appese nelle anticamere o nelle camere da letto, il che farebbe pensare a un'opera per la devozione privata.

Leggi ora!

Madonna con Bambino di Mino da Fiesole


Mino è sepolto nella chiesa fiorentina di Sant'Ambrogio, dove aveva lavorato al tabernacolo della Cappella del Miracolo del Sacramento tra il 1482 e il 1485.

Leggi ora!

Simone Martini, pittore


La personalità di Simone appare pienamente formata fin dalla prima opera documentata, l'affresco con la Maestà nel Palazzo pubblico di Siena, datato 1315.

Leggi ora!

Visite guidate

Racconteremo storie di omicidi e di fantasmi che ancora oggi sembrano infestare molti palazzi.
Visita guidata al cimitero detto delle Porte Sante situato sul colle di San Miniato al Monte.
Il percorso farà scoprire i luoghi della città in cui Dante camminò e visse. Traccia dopo...