31 Gennaio 2015 · 10373 Views

Toponomastica: Via Giovanni da Verrazzano

Via Giovanni da Verrazzano 
(Via della Fogna di Santa Croce)

La strada collega piazza Santa Croce a via Ghibellina e incontra, a circa due terzi del tracciato, sulla destra, via del Fico. La denominazione, deliberata dalla giunta comunale nel luglio del 1901, è un omaggio al navigatore Giovanni da Verrazzano (1485-1528 circa) che, probabilmente, nacque in questa strada in un palazzo della sua famiglia, originaria del castello di Verrazzano (Greve in Chianti). Precedentemente, come attesta ad esempio la pianta di Firenze disegnata da Ferdinando Ruggieri nel 1731, il tratto era denominato via della Fogna, "per una condotta d'acqua sotterranea che doveva drenare la Piazza Santa Croce(Bargellini-Guarnieri). Si tratta di una strada del tutto secondaria nell'ambito della viabilità cittadina e, in quanto tale, appartata e silenziosa.

 
Via Giovanni da Verrazzano ex via della Fogna
 
 
Via Giovanni da Verrazzano ex via della Fogna
 
 

Toponomastica


Toponomastica: Ponte a Ema


Umberto Eco, parafrasando Samuel Johnson , scrisse una volta che “la letteratura locale e la memorialistica sono l'ultimo rifugio delle canaglie”

Leggi ora!

Toponomastica: Piazza Goldoni


Si accede alla piazza dal ponte alla Carraia e quindi dai lungarni Corsini e Amerigo Vespucci, da borgo d'Ognissanti, da via dei Fossi, da via del Moro, da...

Leggi ora!

Toponomastica: Via dell'Oriuolo


Il nome oriuolo, scritto in caratteri romani, creò un equivoco perché la “U” veniva scritta come una “V”.

Leggi ora!

Via degli Alfani


In via Alfani esistono numerosi "canti" storici, cioè incroci dai nomi legati a particolari della storia fiorentina.

Leggi ora!

Visite guidate

Ingresso gratuito ai possessori della "Card del Fiorentino".
Caccia alla storia e al divertimento. Anche nelle calde sere, da maggio a settembre, tempo...
Urban Trekking. Passeggiata da Piazza Santa Croce fino a San Miniato passando dal Piazzale...
Ona, ona, ona ma che bella rificolona la mia l’è co’ fiocchi, la tua l’è co’ pidocchi...