06 Novembre 2017 · 4825 Views

Abiti dei Paggi e dei Birri

Paggi e Birri.

Paggi.
La corte del Podestà di Firenze era composta di due Assessori per le cause civili, di un Giudice criminale, di quattro notaj , di otto paggi , e di un officiale con venticinque birri. Abbiamo già veduto il costume di un Podestà accompagnato da un suo paggio. Alcune altre figure di paggi ci presentano le pitture del Pinturicchio (*) nella biblioteca della cattedrale di Siena. Il costume N. 4- della Tav. III. è copiato da un quadro rappresentante Enea Silvio Piccolomini (**) che riceve la corona della poesia alla presenza di Federico. Ai piedi del trono dell'Imperatore vedesi questo giovane paggio, il cui costume è ricco ed elegante. Porta una clamide di color giallo cangiante in azzurrognolo nelle ombre: è dessa affibbiata sulla spalla destra. Il farsetto, le cui maniche sono assai larghe superiormente, è di un rosso di lacca.
Tiene nella destra un berretto scarlatto, ornato di un bottone d'oro e sormontato da una piuma giallastra: posa la sinistra sul pomo dorato di un ricco pugnale. Veste lunghi e stretti calzoni la sua cintura è violetta, le scarpe sono rosse e terminano con una di quelle punte assai comuni ne' secoli XIV. e XV. E la di cui lunghezza era talvolta così esagerata, che per poter muovere il passo bisognava legarle al ginocchio pel mezzo di una piccola catena.
Dal medesimo quadro del Pinturicchìo sono pure tratti i due giovani paggi al N. 5. della Tav. sudd. Quello che ha la mano destra appoggiata ad un bastone tiene in testa un berretto nero ornato di un nodo rosso e con bottoni dorati: il giubbone è aperto sul petto e lascia vedere la camiciuola: il suo colore è quello delle larghe maniche che arrivano fino al gomito, è giallo; il restaute del braccio fino al polso è coperto di una manica nera: i lunghi calzoni sono rossi, ed incominciando dalla cintura, ornati di liste verdi, le quali terminano sulle coscio con alcuni fiocchetti tramischiati d'oro: le scarpe sono nere. L'altro paggio ha in testa un cappello verde: porta una specie di tunica assai corta, color di piombo, ed inferiormente guernita di velluto nero ricamato in oro: il farsetto è listalo di giallo e nero: i calzoni sono gialli.

Birri.
L'impiego dei Birri a quell'epoca poco differiva da quello de' nostri giorni in Toscana. Essi durante la notte , muniti di bastone e di una lanterna vigilavano perchè venissero esattamente eseguiti i regolamenti della polizia e mantenuto il buon ordine. I Novellieri di que' tempi gli hanno sovente indicati sotto il nome di Famiglia. Il loro abito era, come oggidì, quello del basso popolo; e la figura qui annessa Tav. II. N. 5. è importante perchè serve a precisare la foggia di vestire di questa classe di cittadini.
Si trova in moltissime miniature dei secoli XIV. e XV. Che i contadini, pastori, e plebei sono quasi tutti vestiti come questo birro che fu copiato da una pittura che ornava la coperta di un antico registro della Biccherna a Siena (***). Esso porta un berretto scarlatto, il mantello è color di piombo con orlo nero: l'abito di sotto nero; i calzoni sono rossi e gli stivaletti neri, la lanterna è gialla. Al di sopra di questa figura, a fine di non lasciar dubbio alcuno sul suo impiego, sta scritto Famiglio (****).
Dottor Giulio Ferrario, Aggiunte all'opera Il costume antico e moderno di tutti i popoli, cogli analoghi disegni, Firenze, V. Batelli, 1833 - 1837.


(*) Bernardino di Betto Betti, più noto come Pinturicchio o Pintoricchio (Perugia, 1452 circa – Siena, 11 dicembre 1513), è stato un pittore italiano.
(**) Pio II, nato Enea Silvio Piccolomini, è stato il 210º papa della Chiesa cattolica dal 1458 alla morte.
(***) La Biccherna, attiva dal secolo XII fino al 1786, fu una delle principali magistrature finanziarie della Repubblica di Siena.
(****) Nel Medioevo era usanza del feudatario avere una propria corte privata nel feudo. Questa corte era composta dal seguito del feudatario a seconda del suo grado e dai famigli (dal latino famulus), cioè tutte le persone a seguito del feudatario che venivano "adottate" nella sua famiglia e che vivevano nel castello.​

 


 

Schegge di storia


Vallo di Adriano


Storia a disegni per i più piccoli. Conosci il Vallo di Adriano? Se la tua risposta è no non ti preoccupare leggi questa piccola descrizione e lo imparerai:

Leggi ora!

Piazza Poggi ieri com'era?


Passiamo l'Arno e ci trasferiamo "diladdarno" a San Niccolò. We pass the Arno and we move to "diladdarno" in San Niccolò

Leggi ora!

Stabilimenti balneari in Arno


Siamo sul greto dell'Arno al ponte San Niccolò. We are on the banks of the Arno at the San Niccolò

Leggi ora!

Viale Spartaco Lavagnini, ieri com'era?


Oggi Viale Spartaco Lavagnini è un grande viale facente parte dei viali di Circonvallazione, ma nel passato?

Leggi ora!

Visite guidate

Insieme cercheremo di comprendere i caratteri salienti di una antichissima, affascinante religione....
Il percorso farà scoprire i luoghi della città in cui Dante camminò e visse. Traccia dopo...
Sapremo cosa univa Botticelli e Leonardo, scopriremo cos'erano le "stufe" e le "tamburazioni".
Una lunga passeggiata a piedi adatta a tutti coloro che amano camminare, stare all'aria aperta ma...