07 Settembre 2016 · 5765 Views

Il Semellaio

Il Semellaio


 
Il Semellaio si trovava per le strade di Firenze, soprattutto vicino ai mercati e alle scuole, col suo cestino colmo di questi panini, chiamato alla fiorentina Semelle o "Passerina" [1], col taglio nel centro e tutti lo sentivano arrivare perchè gridava a pieni polmoni: "semelli caldi e morbidi", facendo accorrere le massaie che con una monetina di rame da 5 o 10 centesimi potevano avere pane fresco per i più svariati usi. 
Questo panino era molto leggero e cosi soffice che i bambini lo usavano per colazione inzuppandolo in belle tazze di caffèlatte.



 

Il Semelle o "Passerina"

[1] Il “semmel” venne diffuso in Toscana dai Lorena. Parola tedesca in uso soprattutto in Baviera e in Austria, che a sua volta deriva dal greco “semidalis” (termine di origine non indoeuropea, forse egizio, da cui anche “semola”) che designava un pane di lusso non lievitato lodato da Aristofane per la sua bianchezza. 

Personaggi


L'orrenda vendetta di Veronica


Dopo una vita di riscatto e di pentimento, Veronica morì, molto anziana, a Roma, a palazzo Salviati. Si dice che il suo spirito si aggiri inquieto nella...

Leggi ora!

Sandro Botticelli


Sandro Botticelli nacque nel 1445 a Firenze in via Nuova (oggi via del Porcellana), ultimo di quattro figli maschi, e crebbe in una famiglia modesta ma non...

Leggi ora!

Il barrocciaio


Di che cosa vive il barrocciaio? di vino, di questioni e d'intemperie. Contro queste poi è corazzato. Lo vedete, sotto un sole che spacca le pietre, con la...

Leggi ora!

La vita di Donatello


Donatello aveva la particolare capacità di infondere umanità e introspezione psicologica alle opere, spesso con accenti drammatici o di energia e vitalità...

Leggi ora!

Visite guidate

APERTURA STRAORDINARIA. L'edificio fu trasformato in villa e gli "orti" lungo la collina di...
Vedere i tradizionale "Fochi" sull'Arno mentre fai il tuo spuntino e brindi con noi al patrono San...
Il percorso farà scoprire i luoghi della città in cui Dante camminò e visse. Traccia dopo...
alla chiesa di Orsanmichele, detta anticamente anche di San Michele in Orto, era una loggia...