27 Ottobre 2019 · 2522 Views

Monte di Pietà

Monte di Pietà
 

"Il Monte di Pietà. — Risiedeva in una parte della casa dei Lamberti assegnata a tale scopo dal Comune: fu istituito dai Priori «e loro collegi» in considerazione che «la pestifera voragine e pessimo verme dell'usura» portava alla totale rovina del popolo.
Fu deliberato pertanto che gli officiali del
Monte di Pietà fossero otto cittadini di specchiata vita, ed abili agli onori del Consiglio Generale. Sei di essi dovevano appartenere alle Arti Maggiori e due alle Minori, senza però che fossero scelti quartiere per quartiere, potendo anche appartenere tutti e otto ad un solo quartiere della città. Furono mandati a partito quarantotto delle arti maggiori e sedici delle minori; e ne furono eletti sei dai primi che avevano avuto maggior numero di voti, e due dai secondi di maggior partito.
 

 
Piazza del Monte di Pietà

Questo nuovo ufficio andò in vigore il 1° gennaio 1495; ma prima di procedere a nessun atto della loro carica, fecero cantare una messa solenne allo Spirito Santo alla quale pubblicamente intervennero «acciocché la Divina Clemenza prestasse favore di fare ottimamente».
Gli officiali del Monte di Pietà non avevano alcuna remunerazione, ma godevano il privilegio di non aver divieto alcuno, nè durante il tempo che rimanevano in carica, nè dopo. 
Prima di avere una stabile residenza nelle case de' Lamberti, a cui si accedeva dalla Piazza che tuttora conserva il nome di «
Piazza del Monte» gli officiali predetti si radunavano dove più loro piaceva e dove tornava loro più comodo, in una delle residenze delle Arti o in altro uffizio, senza che potesse essere ciò loro proibito.
Questi otto cittadini avevano l'obbligo di provvedere ai buon andamento del Monte di Pietà o, come si diceva, della Carità — con tutte quelle cautele ed a quelle condizioni, che riconoscevano essere necessarie per corrispondere allo scopo.
Elessero questi ufficiali alcuni ministri perchè li coadiuvassero; e ad ogni loro richiesta il Capitano gli assegnava quei fanti che domandavano, e due famigli «del Rotellino» senza che dovessero aver nessun compenso.
Ebbero pure l'incarico, appena entrati in ufficio, di compilare i capitoli e convenzioni da osservarsi e da servire di norma per il regolare andamento di tale officio."

Palazzi


La pietra serena fiorentina


La pietra serena, oggi esauritasi in città, era concentrata nelle colline meridionali (in primis la collina di Boboli), tra l'Arno e l'Ema, ed oltr'Arno.

Leggi ora!

Palazzo Corsi Tornabuoni


Il palazzo sorge su antiche proprietà della consorteria dei Tornaquinci (poi Tornabuoni) Popoleschi e Giachinotti.

Leggi ora!

Museo di Storia Naturale


Il nome della Specola si riferisce all'osservatorio che il Granduca Pietro Leopoldo installò nel torrino, dove si trovava anche la stazione meteorologica di...

Leggi ora!

Palazzo Lovison


Fin dalla sua costruzione l'edificio non aveva fini abitativi ma il suo solo scopo era di ospitare gli uffici locali della compagnia di Assicurazioni, fondata...

Leggi ora!

Visite guidate

In questa sala si rifugiò Lorenzo il Magnifico durante la cosidetta Congiura de' Pazzi.
Se non hai visto in diretta il tuo webinar, hai 12 ore di tempo per vederlo. Come?
Museo di San Marco. Visiteremo gli splendidi spazi architettonici del convento, delle celle e del...
Un luogo dove tutto è rimasto uguale nel corso dei secoli.