27 Giugno 2018 · 3966 Views

Porta e Baluardo della Giustizia

Porta e Baluardo della Giustizia.


 

Quasi a contatto della porla che introduce nella descritta fabbrica della Zecca Vecchia vedesi un gran portone rimurato ed interralo per più della metà della sua altezza, ii quale secondo Gio. Villani (1), denominavasi Porla Reale, ed anche di San Francesco, ed aveva una torre soprapposta di braccia 68 di altezza. La prima denominazione, secondo l'autore della Firenze antica e moderna (2), dovette essergli data in ossequio del Re Roberto di Napoli, al quale i Fiorentini avevano, all'epoca della sua costruzione, temporariamente conceduta la signoria della città; e la seconda per essere situata dietro ed in prossimità del convento di Santa Croce dell'ordine di San Francesco. — Il nome poi che ritiene presentemente lo derivò, secondo il Varchi (3), perchè da essa sortivano i condannati all'ultimo supplizio per andare a subire la loro pena in un contiguo pratello. — L'epoca nella quale fu rimurata non saprei esattamente stabilirla, ma mi penso che sia quella medesima nella quale Alessandro de' Medici primo duca di Firenze fece costruire al di fuori di essa, l'anno 1532 (4), quel forte baluardo, che tuttora si vede, sotto pretesto di riporvi le armi che aveva fatto togliere ai cittadini, ma in verità per avere un luogo di ritirata e sicurezza nel caso che il popolo tentasse di spezzare il freno della servitù che gli si era recentemente imposto. — E quanto all' interramento sopraccennato, che continua lungo le mura fin oltre la Porta a Pinti, noterò ora per sempre che fu eseguito per consiglio di Bartolommeo Ammannati, non tanto per accrescere stabilità alle mura, quanto per economizzare nella spesa che doveva farsi per trasportare la melletta depositata nelle pubbliche piazze e strade delia città pel traripamento del fiume Arno avvenuto nel 1557 (5).

Tratto da Federigo Fantozzi, Nuova Guida, Firenze,Per Giuseppe e Fratelli Ducci, 1857

 
Porta della Giustizia Firenze
 
 
 
(1) Libro IX , Cap. CCLVI.
(2) Tomo I , pag. 277.
(3) Istoria Fiorentina, Lib. IX, pag. 250.
(4) Segni , Storia Fiorentina , Lib. VI.
(5) Baldinucci, Vita dell'Ammarinati, T. VI, pag. 24.

Luoghi storici


Chiostro dello Scalzo


Il grande pittore fiorentino Andrea del Sarto affrescò a più riprese, dal 1509 al 1526, le pareti del chiostro con scene monocrome rappresentati la Vita del...

Leggi ora!

Cenni storici su Pratolino


Molte delle statue vennero trasferite al Giardino di Boboli, finché nel 1819 il Granduca Ferdinando III mutò lo splendido giardino all'italiana in giardino...

Leggi ora!

Il Campidoglio a Firenze


Muraglie fortissime che s'incontrano specialmente ai piani terreni e nelle cantine, possono essere tracce delle costruzioni romane...

Leggi ora!

San Gimignano


San Gimignano un paese austero che vibra di tutto il suo fulgore e canta tutta la sua vita quando il sole sorge.

Leggi ora!

Visite guidate

Finita la visita ci fermeremo in un posto privilegiato e vedremo in tutta tranquillità i bei Fochi.
Oltre 750 opere per 720 anni di storia. La maggiore concentrazione di scultura monumentale...
Tempio Maggiore Israelita di Firenze, e dopo andremo al ristorante kosher, se siete interessati.
Entreremo anche nella sede della Loggia Massonica del Grand'Oriente Italia. Un appuntamento...