01 Aprile 2019 · 994 Views

Chiesa di San Pietro a Varlungo

Chiesa di San Pietro a Varlungo



Chiesa Di San Pietro in Varlungo, foto Wikipedia

La chiesa è di remota origine, perchè se ne trovano le tracce fino dall’XI secolo; però ogni traccia della sua primitiva costruzione è scomparsa nei restauri e nelle riduzioni subite negli ultimi secoli. Per ingrandire la chiesa venne soppresso nella seconda metà del secolo scorso anche il portico che le stava dinanzi. Nella cappella a sinistra di quella maggiore è uno stemma del XIV secolo della famiglia Bonciani che ne era patrona.
 


Interno, foto Wikipedia

Di opere d’arte, ecco tutto ciò che vi rimane: una tavola a fondo d’oro del XIII secolo, di maniera bizantina con la Vergine in trono, il bambino Gesù ed un angelo (fig. 1) forse del cosiddetto Maestro di Varlungo (1); un elegante ciborio di pietra serena con fini ornamenti, del XV secolo, un affresco rappresentante il transito di S. Giuseppe di Alessandro Gherardini (2) con la data 1699, un altro affresco nella volta con S. Pietro in gloria, la Fede, la Speranza e la Carità, attribuito a Baldassarre Franceschini detto il Volterrano (3).

Nell’annessa Compagnia di S. Pietro in Vinculis sono una tavoletta con la Madonna e il bambino, frammento di un antico trittico della maniera dei Gaddi, scelleratamente ridipinto ed un crocifìsso scolpito in legno della prima metà del xv secolo (fig. 2).

(1) Il cosiddetto Maestro di Varlungo (... – ...) è stato un pittore anonimo italiano dell'area fiorentina, attivo dal 1285 circa al 1310 circa.​ (Wikipedia)
(2) Alessandro Gherardini (Firenze, 16 novembre 1655 – Livorno, 6 aprile 1727) è stato un pittore italiano, del periodo barocco. (Wikipedia)
(3) Baldassarre Franceschini detto il Volterrano (Volterra, 1611 – Firenze, 7 gennaio 1690) è stato un pittore italiano. (Wikipedia)
 




Fig. 1



Fig. 2
Crocifisso ligneo ritenuto miracoloso
 
 
Bibliografia:
Guido Carocci, I dintorni di Firenze, Firenze, Galletti e Cocci, 1906

Luoghi di Culto


Sinagoga a Firenze


La prima pietra venne posta, per questo importante edificio in via Farini, uno dei rari esempi di architettura Moresca in Italia, nel 30 giugno 1874.

Leggi ora!

La chiesa dei Santi Pietro e Paolo


La chiesa è romanica-gotica del XIII-XIV secolo, trasformata nel XVIII secolo.

Leggi ora!

Abbazia di San Galgano


Il sito è costituito dall'eremo (detto "Rotonda di Montesiepi") e dalla grande abbazia, meta di grande flusso turistico.

Leggi ora!

Grazie e miracoli al Santuario della Madonna delle Grazie al Sasso


Che importa dare incomodo a tanta gente, spender tanto denaro, e perder tanto tempo intorno ad un'immagine adorata da quattro guardiani di pecore? E subito fu...

Leggi ora!

Visite guidate

Meraviglie sono celate dietro l'austera facciata dell'imponente Palazzo Pitti!
in un luogo monumentale ricco di fascino, che conserva al suo interno opere d'arte di rilievo; qui...
In Toscana sono state censite 36 proprietà medicee tra ville e giardini, ma di queste solo 14 sono...
alla Basilica di San Miniato al Monte, una delle Chiese più antiche della città con strie e...