03 Dicembre 2018 · 1081 Views

Tabernacolo di Santa Maria della Tromba

Tabernacolo di Santa Maria della Tromba
 
 

 
Il tabernacolo nella collocazione originaria, olio di Fabio Borbottoni
 

Sull’ angolo fra la piazza del Vecchio Mercato e via Calimala, forse dal 1300 è una immagine che ebbe per secoli la popolare venerazione e per la quale si vide ben presto erigere un decoroso ornamento ed un vano atto a contenere un altare per le sacre funzioni. Ma non era nè un oratorio, nè tanto meno un tempietto come si è stampato, ma un tabernacolo, con solo in più l’altare notato.
Nel 1361 la Repubblica, che a tutto teneva d’occhio, pose codesta immagine sotto la protezione dei Consoli dell’arte dei Medici e degli Speziali, i quali provvidero non solo alla custodia del Tabernacolo ma anche a raccogliere le offerte e regolare le sacre funzioni.
È il Tabernacolo in discorso posto assai in alto, in una specie di lunetta, nella quale osservando attentamente si scoprono le immagini della Vergine, seduta a destra e Cristo sedutole al lato sinistro; l’una e l’altro circondati da una raggiera circoscritta in una specie di mandorla; ai loro lati tre angioletti per parte uno soprammesso all’altro, conservati ancora per modo da poterne distinguere pienamente le forme. Al disopra delle teste della Vergine e del Salvatore si scorgono due linee convergenti in forma di sesto acuto, le quali accennerebbero che altra volta il dipinto fosse circoscritto a tal punto; il che meglio avrebbe consuonato con la parte inferiore del Tabernacolo a colonnette spirali, beccatelli soprammessi e architrave tutto di stile ogivale.


 


Veduta della Madonna in trono con santi di Jacopo del Casentino attraverso la grata


Le forme dell’altare che servì per oltre quattro secoli alle Messe quotidiane ed alle sacre funzioni si ignorano; non così quello che fosse la tavola che gli stava al disopra, dipinta da Jacopo da Casentino (1), la quale per decreto sovrano, quando nel 1774 venne soppresso quel luogo di preghiera, passò nella prossima chiesetta di San Tommaso. 
In questa circostanza il Sovrano concedè al custode che aveva prestato per molti anni i suoi servigi a quel luogo la proprietà del piccolo vano che serviva alle sacre funzioni e, lo avverta il Comune, donò lo Stato il vano e non altro, onde fosse ridotto a bottega.
Oggi per l'allargamento di quel luogo il Tabernacolo è necessario che venga remosso e, come altri ha già detto la sua su questo oggetto e fatte proposte in proposito, anche noi vogliamo dire propria; ed è che codesto Tabernacolo, graziosa decorazione per un luogo aperto, non gli sembra abbia importanza di essere trasportato in un luogo chiuso.


 
 
Tabernacolo di Santa Maria della Tromba


Un tempo Firenze si gloriava di esporre i suoi capolavori in piena aria, in ogni piazza e ogni via: oggi per ogni bazzecola si propone il Museo. Noi che non siamo di questo parere, consiglia dunque che nei tagli che si faranno per isolare l’antica residenza dell’Arte della Lana, o dalla parte di Mezzogiorno o da quella di Tramontana, l’una e l’altra da architettarsi di nuovo, si collochi il Tabernacolo di Santa Maria della Tromba senza il vano, s’intende, con in basso il solo breve aggetto dei pilastri e delle colonnette spirali, possibilmente coronato con quelle forme a sesto acuto delle quali nel Tabernacolo, come ho già avvertito, gli sembra restino traccie, ottenendo per tal mezzo il doppio vantaggio di non allontanarlo dal luogo dove stette per secoli e farlo servire alla decorazione di un piccolo tratto di via sopra una fabbrica singolarmente adatta a riceverlo.



(1) Jacopo del Casentino, detto anche Jacopo da Pratovecchio (Pratovecchio, 1297 circa – 1349 circa), è stato un pittore e miniatore italiano, attivo in Toscana, principalmente a Firenze, tra il 1339 e la metà del secolo.

Luoghi di Culto


Convento di San Girolamo


La chiesa, che possedeva tavole del Perugino e di Alessandro Allori, fu rinnovata nel 1528 e ancora nel 1586 e nel 1721, quando fu arricchita di pitture e...

Leggi ora!

Aspetto esterno della chiesa di Santa Croce


Polemica sul perché ancora la facciata della chiesa non era stata fatta nel "secolo del vapore applicato alle navi, alle vetture, agli opifìcii" e perché...

Leggi ora!

Cripta di San Miniato al Monte


La cripta, la parte più antica della chiesa (XI secolo), è sormontata dall'altare maggiore che si suppone contenga le ossa di San Miniato.

Leggi ora!

Grazie e miracoli al Santuario della Madonna delle Grazie al Sasso


Che importa dare incomodo a tanta gente, spender tanto denaro, e perder tanto tempo intorno ad un'immagine adorata da quattro guardiani di pecore? E subito fu...

Leggi ora!

Visite guidate

alla chiesa di Orsanmichele, detta anticamente anche di San Michele in Orto, era una loggia...
Una visita per scoprire la ragione possente della forza onirica che sprigiona questo luogo. La...
Intrighi, delitti e morte, le tappe della terribile giornata, di quella che è passata alla storia...