26 Novembre 2017 · 5759 Views

Convento di San Girolamo

Convento o Ospizio di San Girolamo
o delle Poverine Ingesuate 

Fu promotore dell'Ordine degli Ingesuati il B. Gio. Colombini Senese. La di lui cugina per nome Caterina, estese l'Ordine anche alle femmine instituendo per queste un Monastero nella sua Patria, ed un altro in Firenze, circa l'anno 1382 nel Popolo allora di S. Remigio, e precisamente sulle case che formavano l'Ospizio dei Francescani, situato alla Porta della Giustizia dal Renajo. Le Religiose si intitolarono da loro stesse — Le Poverine Ingesuate —: Soppresse nel 1808, vennero dopo qualche anno sotto il Governo di Ferdinando III. ripristinate. — La fabbrica del Convento si ampliò nel 1501. da alcuni pietosi Cittadini, e nel 1515. Leone X accordò a quelle MM. alquanti privilegi. Nel 1586- resa la Chiesa più vasta si dedicò a S. Girolamo e nel 1721, si ridusse per li ornati al gradro attuale. L'Altar maggiore conteneva di Piero Perugino, il Crocefisso con Maria e S. Girolamo. Oggi vedesi in suo luogo la Tavola di Alessandro Allori, rappresentante il Padre Eterno e la Vergine, S. Agostino ed altri Santi.

Tratto da:
Luigi Biadi, Notizie sulle antiche fabbriche di Firenze non terminate e sulle variazioni alle quali i più ragguardevoli edifizj sono andati soggetti, Firenze, Stamperia Bonducciana, 1824.



"L'ex-convento di San Girolamo è un edificio di Firenze, situato in via Tripoli 9 e il lungarno della Zecca Vecchia 20, e oggi occupato dalla caserma Cesare De Laugier.​
L'antico convento di San Girolamo, noto col nome di San Girolamo delle Poverine Ingesuate o, più brevemente, ospizio delle Poverine, fu fondato nel 1382, su terreni acquistati dai frati di Santa Croce, e ampliato nel 1392, dalle monache ingesuate originarie di Siena, dove erano state fondate da Caterina Colombini, cugina del beato Giovanni Colombini che aveva dato vita ai Gesuati."


Bibliografia:
Federico Fantozzi, Nuova guida ovvero descrizione storico artistico critica della città e contorni di Firenze, Firenze, Giuseppe e fratelli Ducci, 1842, pp. 168-170, n. 17;
Federico Fantozzi, Pianta geometrica della città di Firenze alla proporzione di 1 a 4500 levata dal vero e corredata di storiche annotazioni, Firenze, Galileiana, 1843, p. 216, n. 531;

 

Il monastero nella pianta del Buonsignori​


Lungarno della Zecca Vecchia, ex-ospizio di San Girolamo delle Poverine Ingesuate ​

 

Luoghi di Culto


Oratorio di Santa Maria della Croce al Tempio


L’oratorio in via S. Giuseppe è il secondo edificio, in ordine cronologico, di pertinenza della Compagnia di Santa Maria della Croce al Tempio.

Leggi ora!

Campanile della Chiesa di Santa Croce


La chiesa di Santa Croce ha avuto più campanili. Si sa che ne aveva uno il quale sorgeva dietro la cappella maggiore degli Alberti, e non ci è dato, per...

Leggi ora!

Chiesa di San Pier Maggiore


L'antica chiesa romanica ebbe varie trasformazioni e nelle sue forme gotiche trecentesche è visibile nella tavola col Miracolo di san Zanobi di Ridolfo del...

Leggi ora!

Origine dei Tabernacoli in Firenze


Questa pia usanza arriva in Firenze al secolo XII e forse anche prima.

Leggi ora!

Visite guidate

Segui passo passo e vedrai come è facile prenotare le visite o eventi di Conosci Firenze
Durante il Grand Tour, i giovani imparavano a conoscere la politica, la cultura, l'arte e le...
Un affascinante viaggio nel tempo alla scoperta di quanto e come è cambiata la figura dello...
Lo sapevate che Leonardo da Vinci era un influencer? Che a Firenze c’è una farmacia tra le più...