02 Febbraio 2015 · 8986 Views

Oratorio di Santa Maria della Croce al Tempio

ORATORIO di S. MARIA della CROCE al TEMPIO
 
Santa Maria della Croce al Tempio in via San Giuseppe (già Via dei Malcontenti) a Firenze 1900 1910
Santa Maria della Croce al Tempio in via San Giuseppe (già Via dei Malcontenti) oggi (foto Wikipedia)
Santa Maria della Croce al Tempio in via San Giuseppe (già Via dei Malcontenti) a Firenze 1900 1910
Santa Maria della Croce al Tempio in via San Giuseppe (già Via dei Malcontenti) nel 1900 1910
"Collezione Privata"
   
L’oratorio in via S. Giuseppe è il secondo edificio, in ordine cronologico, di pertinenza della Compagnia di Santa Maria della Croce al Tempio; come gli altri oratori, era un luogo destinato alla preghiera, ma non pubblico, come una chiesa. Gli oratori infatti possono essere privati, se si trovano in un palazzo o in una residenza signorile, oppure semipubblici, come nel nostro caso, se vi possono accedere gruppi ristretti di persone, quali i membri di una confraternita.
La facciata è semplice, a bozze irregolari di pietra a filatteri, con portone in legno intagliato con polilobi e due stemmi, uno della compagnia e uno della famiglia Torrigiani, un rosone a vetri quadrati e due finestre con arco a tutto sesto; accanto al portone si trovano ancora le originali ghiere in ferro battuto con anelli che servivano per collocare gli stendardi della Compagnia.
Santa Maria Croce al tempio Il soffitto con un bellissimo tetto a capriate
Il soffitto con un bellissimo tetto a capriate
 
All’interno l'edificio è costituito da un vano rettangolare a navata unica, coperto da un tetto a capriate, con pavimento in cotto, in cui la luce entra attraverso le aperture delle facciate e da due finestre di ugual forma e misura poste sulla parete destra (una è attualmente murata) e da una di minori dimensioni sulla parete sinistra. Le due pareti laterali presentano ciascuna due porte con stipiti ed architrave in pietra serena, che danno accesso a una sorta di “armadi a muro “, e sei nicchie, che servivano per collocare lumi o oggetti, in quanto l’edificio è servito come spedale della Compagnia, cioè come asilo di pellegrini e bisognosi e luogo di distribuzione di generi di prima necessità.
In fondo alle due pareti laterali due lapidi ricordano le circostanze della costruzione e dell’ampliamento con una cappella di questo edificio: la prima del 1428, quando un antenato di Michelangelo Buonarroti lasciò un’eredità alla Confraternita per la realizzazione di una costruzione per i suoi fini benefici.
L’ampliamento datato al 1440 (di cui oggi non vi è traccia) si deve al lascito di Vanni di Niccolò di Ser Vanni, banchiere, il cui stemma fu posto sulla parte destra della parete di fondo, mentre a sinistra si trova quello della Compagnia. 
Degli affreschi originali niente è rimasto, se non una lunetta illeggibile nella parte finale della parete destra e le tracce della preparazione dell’arriccio sulla parete sinistra
.
 
L'affresco come è oggi, danneggiato dall'alluvione del 1966.
L'affresco come è oggi, danneggiato dall'alluvione del 1966. (Foto Wikipedia)
Santa Maria Croce al tempio affresco come era in originale

L'affresco come era in originale (Foto Wikipedia)

La pittura entro l’arco ad ogiva della parete di fondo, è, purtroppo, molto rovinata dall’alluvione del 1966. Risale al 1928 ed è una celebrazione della Confraternita voluta dall’allora parroco della vicina chiesa di S. Giuseppe, mons. Luigi d’Indico: sullo sfondo delle mura fiorentine, al di sotto della Madonna del Giglio in gloria tra due angeli, si incontrano  due cortei da destra quello dei confratelli, tra i quali spicca il ritratto di Benito Mussolini, mentre S. Francesco indica la Vergine al Savonarola; il corteo di sinistra è capeggiato da Lorenzo il Magnifico, mentre Papa Eugenio IV (entrambi furono membri della Confraternita) parla con il Battista
Lunetta
Un piccolo mosaico con il volto di Cristo, all’inizio della parete destra, datato al 1923, riporta di nuovo il nome di Mons. Indico ed una pittura a metà della parete sinistra ricorda la rinascita della Confraternita nel 1912

 
La Confraternita della Compagnia dei Neri

Luoghi di Culto


Chiesa di Santa Maria Assunta


È una delle poche chiese fiesolane in cui le forme romaniche sono ancora pienamente leggibili, soprattutto nella parte tergale.

Leggi ora!

Santa Maria Maggiore


Fa parte delle chiese comprese nel primo cerchio di mura e delle dodici leggendarie priorie. Sembra però che nell'anno 1182 fosse già chiusa nel secondo...

Leggi ora!

San Francesco al Monte alle Croci


“O beata solitudo, tu sola beatitudo”, queste parole che, tracciate sulla prima arcata del chiostro, accolgono chi entra, esprimono quella che è...

Leggi ora!

Basilica di San Miniato al Monte


All'inizio la basilica era un monastero benedettino, poi aderì alla congregazione Cluniacense e nel 1373 a quella Olivetana, che vi abita tutt'oggi. I monaci...

Leggi ora!

Visite guidate

alle terrazze esterne del Duomo per la "passeggiata" a trentadue metri di altezza per regalare agli...
Una visita per scoprire la ragione possente della forza onirica che sprigiona questo luogo. La...
La Galleria deve la sua vasta popolarità alla presenza di alcune sculture di Michelangelo: i...
alla chiesa di Orsanmichele, detta anticamente anche di San Michele in Orto, era una loggia...