15 Marzo 2015 · 10236 Views

La bandiera del Comune di Firenze

La bandiera del Comune di Firenze
 
La nascita di questo stemma è legato alla conquista fiorentina di Fiesole nel 1125; con l'annessione della città collinare si viene a creare un nuova insegna.  
Il nuovo stemma nasce come l'unione dei campi dei due vessilli cittadini: l'
argento di Fiesole, privo della mezzaluna azzurra, con il rosso di Firenze, spogliato dal giglio argenteo.
Fin dal principio i due colori hanno una grande importanza per i fiorentini. Al 
rosso sono riconosciuti gli attributi di potenza e di dominio; al bianco quelli di purezza negli ideali e fedeltà nell'autonomia delle istituzioni. Non solo ma ai due colori furono legate le due classi che componevano la società: al bianco il popolo, al rosso i nobili.

 
La bandiera del Comune è partita d'argento e vermiglio
 
La bandiera del Comune è partita d'argento e vermiglio
 

Il Carroccio fiorentino con la bandiera del comune, immagine presa da una miniatura della Cronica nuova di Giovanni Villani

Il "Carroccio" fiorentino con la bandiera,
immagine presa da una miniatura della "Cronica nuova" di Giovanni Villani


 
L'importanza di questa insegna è confermata dalla sua presenza sul pennone principale del carroccio comunale durante le campagne militari. Carroccio [1] che sarà perso nella battaglia di Montaperti contro i senesi e non riconsegnato dagli abitanti della città della "balzana" [2].
 
©Riccardo Mugellini medievista ed esperto di araldica.​

[1] "Carroccio" era un grande carro a quattro ruote recante le insegne cittadine, intorno al quale si raccoglievano e combattevano le milizie dei comuni
[2] "Balzana" è così chiamato lo stemma di Siena 

 

Curiosità


Potenze Festeggianti


Le Potenze e state create nel XIV secolo ma solo dalla seconda metà del XVI secolo che queste iniziarono ad avere importanza.

Leggi ora!

Le Balze del Valdarno


Le Balze del Valdarno, conosciute a Montevarchi anche come Smotte, sono costituite da sabbie, argille e ghiaie stratificate, alte fino a un centinaio di...

Leggi ora!

Festa degli Omaggi al tempo del Granduca


Comparivano la mattina per tempo i Paliotti portati ciascuno da un uomo a cavallo, tanto dello Stato Fiorentino che del Senese, i primi avanti l'Arte dei...

Leggi ora!

Tronco ferroviario Firenze - Prato


E così i buoni fiorentini, per andare a Prato, non inciampavan più nelle carote, nei broccoli o nei cavoli.

Leggi ora!

Visite guidate

“Dal Cupolone si vede il Vesuvio” diceva Riccardo Marasco
Tempio Maggiore Israelita di Firenze, e dopo andremo al ristorante kosher, se siete interessati.
Il Museo Nazionale del Bargello è dedicato alla scultura, soprattutto rinascimentale
Un luogo dove tutto è rimasto uguale nel corso dei secoli.