15 Marzo 2015 · 8251 Views

La bandiera del Comune di Firenze

La bandiera del Comune di Firenze
La nascita di questo stemma è legato alla conquista fiorentina di Fiesole nel 1125; con l'annessione della città collinare si viene a creare un nuova insegna.  
Il nuovo stemma nasce come l'unione dei campi dei due vessilli cittadini: l'
argento di Fiesole, privo della mezzaluna azzurra, con il rosso di Firenze, spogliato dal giglio argenteo.
Fin dal principio i due colori hanno una grande importanza per i fiorentini. Al
rosso sono riconosciuti gli attributi di potenza e di dominio; al bianco quelli di purezza negli ideali e fedeltà nell'autonomia delle istituzioni. Non solo ma ai due colori furono legate le due classi che componevano la società: al bianco il popolo, al rosso i nobili.
La bandiera del Comune è partita d'argento e vermiglio

La bandiera del Comune è partita d'argento e vermiglio

Il Carroccio fiorentino con la bandiera del comune, immagine presa da una miniatura della Cronica nuova di Giovanni Villani
Il "Carroccio" fiorentino con la bandiera,
immagine presa da una miniatura della "Cronica nuova" di Giovanni Villani
L'importanza di questa insegna è confermata dalla sua presenza sul pennone principale del carroccio comunale durante le campagne militari. Carroccio [1] che sarà perso nella battaglia di Montaperti contro i senesi e non riconsegnato dagli abitanti della città della "balzana" [2].
©Riccardo Mugellini medievista ed esperto di araldica.​
 
[1] "Carroccio" era un grande carro a quattro ruote recante le insegne cittadine, intorno al quale si raccoglievano e combattevano le milizie dei comuni
[2] "Balzana" è così chiamato lo stemma di Siena 

Curiosità


Chi è Leopoldo Gargani?


Può un coraggioso e disinteressato salvataggio di un bambino caduto in Arno nel 1847 cambiare la vita ad una famiglia? Sembrerebbe di si. Peccato non sapere...

Leggi ora!

Corsa dei Barberi


Il palio dei barberi o corsa dei barberi era una gara ippica e una festa popolare in varie città, tra cui Roma, Firenze, Padova, Chieti, Pistoia (oggi...

Leggi ora!

Rapsodia dei Proverbi Fiorentini


La parola degli anziani tramanda un patrimonio culturale filtrato lentamente attraverso i secoli, frutto unico, irripetibile ed originale di un retroterra...

Leggi ora!

Addio, mia bella, addio!


Addio mia bella addio è un canto risorgimentale, scritto a Firenze in un caffè di via Calzaiuoli, ed era anche noto come l'Addio del volontario.

Leggi ora!

Visite guidate

Un affascinante viaggio nel tempo alla scoperta di quanto e come è cambiata la figura dello...
Gioco a squadre precostituite
Al Tempio Maggiore Israelita di Firenze. Dopo la visita come opzione vi consigliamo gli appetitosi...
A pochi passi dalla Fortezza da Basso troviamo un po' di Russia.