22 Maggio 2018 · 4596 Views

oh! beati tempi antichi!

Memorie Fiorentine
(avanti il 1848)


In quest'epoca, i toscani, mediante la politica fossombroniana, vivevano in una delizia, come in un Eden.
La vita era per qualunque individuo, si facile e dolce, che pareva fosse giunta la tanto vagheggiata età dell'oro.
Il pane costava quattro quattrini (sei centesimi) la libbra; il vino mezzo paolo (ventotto centesimi) il fiasco, quello proprio di Chianti e Pomino; la carne tre crazie (ventun centesimi) la libbra.
Tutti si potevano divertire con poco prezzo. Nei primari teatri il biglietto d'ingresso era soltanto d'un paolo, in quelli di second'ordine mezzo paolo,
E poi tranquillità estrema dappertutto, gaiezza, brio, musica e danze. 
Il popolano fiorentino giuocava in tutte le trattorie il fiasco alla mora o alle carte. La sera faceva una bella cenetta col mezzo paolo; sicché gli sborniati erano frequentissimi, e gli amici stimavano doveroso ricondurre a casa il compagno avvinazzato, in mezzo alla folla di ragazzi, che lo burlava.
Gli opulenti forestieri, sia di Francia che d'Inghilterra, di Turchia e del Mississipì, venivano qua e profondevano i loro denari in feste, concerti e gite di piacere.
E il fiorentino, vero discendente del Macchiavelli, imbutirrava col mellifluo suo frasario chiunque alloggiasse tra le sue mura.
- Illustrissimo! Eccellenza! Venga! Comanda? Vuole? Desidera?
E poi:
- È un signore e una signora, che meritano! Non dubiti... sarà servito! A rivederci. Servo suo... ci torni... avrò l'onore di servirla! Buon viaggio! Saluti a casa.
Scusate se è poco.
Il bretone e il moscovita freddi, duri, orgogliosi, ma in fondo vere cappe d'oro, veduti i toscani cosi piacevoli e graziosi, restavano incantati, talché non sapevano più distaccarsi di qua; compravano stabili, possedimenti, e si accasavano.
Allora gran libertà di coscienza. Si poteva magari andare alla messa, se ci piaceva; si mangiava lesso o arrosto a nostro talento. E se ti fosse piaciuto, passeggiavi i Lungarni, a braccetto di una donnina allegra, senza che alcuno se ne dasse per intesa.
Da allora a oggi, quante mutazioni, quanti pregiudizi!
Tutto è cambiato: la vita moderna ha assunto nuove idee, opinioni diverse, gusti differenti.
Sono commentati vivamente i semplici costumi d'allora, ciò che d'altronde rendeva l'esistenza dolce e lusinghiera.
Oh! beati i tempi antichi!

Francesco Dani, Il libro per ridere; burle, curiosita del mondo, motti, racconti allegri, passatempi di famiglia, dettati e frizzi popolari, Firenze, A. Salani, 1909.

 

Come vivevamo


Teatro Alhambra, scomparso


I nuovi e suggestivi locali del Café-chantant erano stati inaugurati il 7 giugno 1889 con numerosi inviti alla cittadinanza inoltrati dall’impresario T....

Leggi ora!

Schiave orientali a Firenze, quarta parte


La decadenza delle istituzioni politiche trovava pure la sua piena ragione nella generale decadenza, cui inesorabilmente era trascinato il mondo medioevale, e...

Leggi ora!

La passione per le antiche foto


Non ha senso domandarsi se quel tempo è meglio di quello di oggi. C'è solo da credere che il fascino che sembrano emanare le foto dell' '800 e degli inizi...

Leggi ora!

Un'estate a Montecatini nel 1901


Terme di Montecatini. Rispecchia fedelmente la vita ai Bagni di Montecatini, durante il Luglio, l'Agosto e una metà di Settembre 1901.

Leggi ora!

Visite guidate

Tra religione, astronomia e panorami esclusivi, solo all'osservatorio Ximeniano
Visita con noi le sale affrescate granducali ed il soffitto squisitamente dorato e il dipinto del...
Per Ugo Foscolo la Chiesa è un "Tempio delle Itale glorie".
Passeremo nei luoghi che hanno segnato il potere di questa illustra famiglia.