19 Marzo 2019 · 860 Views

Madonna con Bambino di Mino da Fiesole

Madonna con Bambino
Mino da Fiesole (Poppi, agosto 1429 – Firenze, 11 luglio 1484) 
Collegiata di Empoli


 
Mino da Fiesole, Madonna con Bambino, Collegiata di Empoli
 
 
Fermiamoci ora davanti ad un bassorilievo consacrato dal nome di un caro e gentile scultore toscano, Mino da Fiesole (n. 1431, m. 1484) il quale ci dà qui una delle sue solite rappresentazioni di Madonne col bambino che riprodusse più volte senza riuscire mai monotono. Non è la sua migliore opera nel genere, e molto si discosta per il sentimento e la purezza della forma dal tabernacolo famoso di via dei Conti (fig. 1) a Firenze (adesso è all'interno del museo Casa Martelli); ma il candore della testina della Vergine e la seducente grazia del putto, ci fanno appena intravedere i difetti di proporzione in cui cadeva spesso l’artista anche nei lavori suoi più celebrati. Il braccio della Madonna si piega troppo angolosamente e la distanza dal gomito al polso appare troppo breve; così il bambino Gesù ha la testa grossa rispetto al corpo.
 

Fig. 1
  Mino da Fiesole, Madonna con Bambino, Museo Casa Martelli
 

Eppure una poesia arcana irradia e compenetra il gruppo divino, lo avvolge in una armonia di linea e di sentimento che rapisce d’incanto anche l’occhio più pedantemente scrutatore. Il taglio profondo che nasconde nelle palpebre abbassate il globo oculare, rappresenta bene l'ombreggiatura delle ciglia, dando alla fisonomia della Madonna un aspetto di pensoso raccoglimento, mentre sulla bocca si delinea la più soave purezza. Il grande orecchio è modellato sommariamente, ma i capelli sono sfilati con abili colpi di scalpello costituendo una massa morbida e ondulata. Il partito delle pieghe indica chiaramente la grossezza nel panno della tunica e la leggerezza del velo le increspature poi parallele sulla manica danno l'idea della stoffa stretta e aderente al braccio. Le mani della Vergine sono quelle caratteristiche a Mino con tutta la pieghevolezza e tattilità delle dita affusolate col pollice lungo e ben staccato. Il corpo del bambino Gesù è copiato certamente dal vero ; basti osservare la soffice carnosità che nasconde ogni rilievo muscolare.
 


Foto inizi Novecento
Mino da Fiesole, Madonna con Bambino, Collegiata di Empoli

Non sappiamo l’anno preciso, in cui fu eseguito il bassorilievo; un recente biografo dell’ artista lo ascrive al periodo fiorentino tra il 1465 e 1470 insieme allo splendido medaglione del Museo Nazionale di Firenze. Su questi lavori riconosce un tipo morfologico distinto dal periodo posteriore romano in cui le Madonne, più forti, e aristocratiche sono in contrasto assoluto con le altre così delicate e umili.
 

Arte


Palazzo Pitti: La Carità Educatrice


Commissionata da Ferdinando III con contratto stipulato il 6 giugno 1817. Destinata inizialmente alla Villa del Poggio Imperiale, nel 1836 Leopoldo II decise...

Leggi ora!

Posa prima pietra per la facciata della Chiesa di Santa croce


La posa della prima pietra della facciata di Santa Croce alla presenza di Pio IX e di Leopoldo II

Leggi ora!

Carlo Ademollo, pittore


Ademollo trattò il paesaggio, cimentandosi in vedute dell'Appennino toscano o in scene di vita quotidiana. Documentò episodi risorgimentali e svariati...

Leggi ora!

La scuola Toscana e i libri con figure in rame


All’aprirsi del Cinquecento l’arte italiana toscana profondeva i suoi tesori non solo nei volumi di carattere letterario.

Leggi ora!

Visite guidate

San Lorenzo è la prima cattedrale di Firenze, venne fondata all'esterno della prima cerchia...
Intrighi, delitti e morte, le tappe della terribile giornata, di quella che è passata alla storia...
Una passeggiata all'aria aperta alla scoperta di tutti i segreti di un vero e proprio museo a cielo...
Meraviglie sono celate dietro l'austera facciata dell'imponente Palazzo Pitti!