25 Ottobre 2018 · 3273 Views

Lo «Zuccone» di Donatello

Lo Zuccone di Donatello
ieri era David oggi è Abaduc



 

Lo Zuccone è il nome popolare della statua del Profeta Abacuc di Donatello, proveniente dalle nicchie del terzo ordine del Campanile di Giotto e risalente al 1423-1435. Adesso è conservato all'interno del Museo dell'Opera del Duomo. Il soprannome affibbiatogli dai fiorentini appena lo videro è dato dal fatto che è completamente calvo... come una zucca.

Mentre per il Carocci (leggi sotto) la statua di Donatello è del Re Davide oggi viene riconosciuta come quella del profeta Abaduc, anche se la certezza non c'è. Il profeta nelle antiche immagini viene spesso identificato come un vecchio dalla lunga barba mentre invece nell'Abaduc di Donatello non se ne vede traccia. 
Curiosità: secondo alcuni etimologi le espressioni italiane "vecchio come il cucco" e "vecchio bacucco" derivano proprio da Abacucco.


Guido Carocci, 1887: Statua del Re David, detta «lo Zuccone»
È una delle cose più spontanee, più caratteristiche e più animate che siano uscite dallo scalpello di Donato. In questa figura riprodusse le sembianze di Giovanni di Barduccio Chierichini ricco mercadante de' suoi tempi e siccome egli era calvo ed avea la testa piuttosto grossa, cosi la figura fin da quando fu eseguita dall'autore fu battezzata col soprannome di Zuccone. Anche questa ha intagliato nella base riscrizione Opus Donatelli.

 


 

"La torsione del corpo magro, sottolineata dalle pieghe del vestito, il braccio nudo in leggera tensione fermato a raccoglierlo, il senso del movimento bloccato mostrano uno sviluppo della scena; i tratti stravolti del viso, le sopracciglia sollevate, la bocca tesa e semiaperta a mostrare i denti come se parlasse rendono l’opera più realistica e viva." (fonte)

 

Arte


Cristiano Banti


Banti volle che tutte le lettere a lui indirizzate nelle quali vi era testimonianza delle ristrettezze economiche degli artisti fossero distrutte alla sua...

Leggi ora!

Simone Martini, pittore


La personalità di Simone appare pienamente formata fin dalla prima opera documentata, l'affresco con la Maestà nel Palazzo pubblico di Siena, datato 1315.

Leggi ora!

Confronto fra Botticelli e Pollaiolo


San Sebastiano: Antonio Pollaiuolo lanciava il grido disperato del martirio crudele, Sandro Botticelli, più semplice e più puro, innalza a Dio la preghiera...

Leggi ora!

Niccolò Barabino, pittore


A Firenze, partecipò alla decorazione della nuova facciata del Duomo di Santa Maria del Fiore, disegnando i cartoni per i mosaici delle lunette dei portali.

Leggi ora!

Visite guidate

Al Tempio Maggiore Israelita di Firenze. Dopo la visita come opzione vi consigliamo gli appetitosi...
Gioco a squadre precostituite
Racconteremo storie di omicidi e di fantasmi che ancora oggi sembrano infestare molti palazzi.
nei luoghi che hanno segnato la loro storia: dal quartiere mediceo, rinnovato da Cosimo il Vecchio...