18 Agosto 2018 · 4277 Views

Venere dei Medici

Venere dei Medici
(Conservata nella Tribuna di Palazzo Pitti a Firenze)




Galleria Palatina, La Tribuna
 
La Venere Medicea forse è un'opera originale di Cleomene, figliuolo di Apollodoro ateniese, artista greco del III secolo av. C. L'iscrizione sul plinto fu ristaurala fedelmente dall'originale. Vuoisi rinvenuta a Roma nel portico d'Ottavia (o nella villa Adriana) e fu trasferita, nel 1678, dalla villa Medici in Roma a Firenze. Nel trasporto s'infranse e fu mestieri ricomporla con undici pezzi; sono moderni il braccio destro e il sinistro dal gomito, ambedue mal restaurati, troppo discosti dal corpo, perciò in posizione non naturale e affettata.
Le dita sottili, restaurate da Ercole Ferrata (1) nel 1677, contribuiscono a dare un'aria di affettazione all'attitudine generale e contrastano sfavorevolmente col piede leggiadro. Le orecchie sono perforate per i pendenti e la capigliatura era indorata in origine.
Questa Venere verginale sorgente dalla spuma del mare (Anadiomène), nella pienezza della gioventù e con la più perfetta bellezza del volto e delle nude forme corporee, appartiene alle più belle produzioni dell'arte scultoria, ma già sul confine del genere; l'espressione non è tenera né sorrìdente; la bocca ha una dolcezza inarrivabile e la fronte, col capo fortemente piegato a sinistra, in aria grave.


(1) Ferrata, Ercole. - Scultore (Pellio Inferiore, Como, 1610 - Roma 1686) (Treccani)

 



 

Arte


Acquasantiera dalla Collegiata di Empoli


La bella l'acquasantiera di marmo è del 1557 commissionata da Andrea di Alessandro Zuccherini a Battista di Donato Benti

Leggi ora!

Rinaldo Barbetti, intagliatore


L'insistente richiesta nell'800 di mobili intagliati per L'italia e per l'estero, richiesta condizionata dal gusto neo-classico e neorinascimentale, divenne...

Leggi ora!

Tito Chelazzi


Tito Chelazzi fu chiamato dal suo maestro Alessandro Martini come aiutante per restaurare il dipinto miracoloso nella basilica di Santissima Annunziata

Leggi ora!

Francesco Saverio Altamura, pittore


Altamura venne coinvolto nei moti rivoluzionari del maggio '48 e costretto a fuggire prima all'Aquila e poi a Firenze.

Leggi ora!

Visite guidate

Vi racconteremo aneddoti di vari detenuti che hanno vissuto in queste carceri e ci hanno portato...
Un percorso nell’arte di colui che ha conferito umanità ai Santi avvicinandoli agli uomini...
Lo sapevate che Leonardo da Vinci era un influencer? Che a Firenze c’è una farmacia tra le più...
La visita guidata consiste in una passeggiata per le più note vie del centro città con lo scopo...