18 Agosto 2018 · 1846 Views

Venere dei Medici

Venere dei Medici
(Conservata nella Tribuna di Palazzo Pitti a Firenze)




Galleria Palatina, La Tribuna
 
La Venere Medicea forse è un'opera originale di Cleomene, figliuolo di Apollodoro ateniese, artista greco del III secolo av. C. L'iscrizione sul plinto fu ristaurala fedelmente dall'originale. Vuoisi rinvenuta a Roma nel portico d'Ottavia (o nella villa Adriana) e fu trasferita, nel 1678, dalla villa Medici in Roma a Firenze. Nel trasporto s'infranse e fu mestieri ricomporla con undici pezzi; sono moderni il braccio destro e il sinistro dal gomito, ambedue mal restaurati, troppo discosti dal corpo, perciò in posizione non naturale e affettata.
Le dita sottili, restaurate da Ercole Ferrata (1) nel 1677, contribuiscono a dare un'aria di affettazione all'attitudine generale e contrastano sfavorevolmente col piede leggiadro. Le orecchie sono perforate per i pendenti e la capigliatura era indorata in origine.
Questa Venere verginale sorgente dalla spuma del mare (Anadiomène), nella pienezza della gioventù e con la più perfetta bellezza del volto e delle nude forme corporee, appartiene alle più belle produzioni dell'arte scultoria, ma già sul confine del genere; l'espressione non è tenera né sorrìdente; la bocca ha una dolcezza inarrivabile e la fronte, col capo fortemente piegato a sinistra, in aria grave.


(1) Ferrata, Ercole. - Scultore (Pellio Inferiore, Como, 1610 - Roma 1686) (Treccani)

 



 

Arte


Il Presepe nell'arte


Nella festa di Natale sia in tutte le case, nelle vostre case la pace serena che i pittori del quattrocento fissavano sui volti delle loro madonne in...

Leggi ora!

Polittico di Pisa, Masaccio


Il Polittico di Pisa è un'opera di Masaccio, già dipinta per la chiesa del Carmine di Pisa ed oggi smembrata in più musei e parzialmente dispersa.

Leggi ora!

Egisto Ferroni, pittore


Pittore che alle luci della ribalta preferì spesso l'isolamento delle campagne, ebbe notevole fortuna durante la sua vita artistica, per poi perdere...

Leggi ora!

Giotto, imitatore della natura?


Basterebbe guardare soltanto al rapporto di misura tra le figure e l'ambiente, tra i personaggi del dramma sacro e le architetture, le piante, le montagne,...

Leggi ora!

Visite guidate

Ingresso gratuito alla Chiesa e Cenacolo. Visita guidata alla chiesa d'Ognissanti e al Cenacolo del...
alle terrazze esterne del Duomo per la "passeggiata" a trentadue metri di altezza per regalare agli...
Visita guidata per mettere a confronto due grandi della pittura fiorentina, l’uno importante...
Intrighi, delitti e morte, le tappe della terribile giornata, di quella che è passata alla storia...