20 Maggio 2018 · 1371 Views

Luigi Frullini, intagliatore

Luigi Frullini
25 marzo 1839, Firenze - 9 giugno 1897, Firenze


Firma di Luigi Frullini

Luigi Frullini (Treccani) scultore toscano, nato a Firenze il 25 marzo 1835, da padre intagliatore, ebbe da questi i primi rudimenti dell'arte, indi studiò all'Accademia Fiorentina, e gli furono impartito lezioni private dai migliori maestri. A 17 anni perdè il padre e dovè allora adattarsi come lavorante, ma essendo molto capare veniva ricercato e ben retribuito. A vent'anni presentò alla Esposizione alcuni saggi dell'arte sua, che bastarono non solo a procurargli uno dei primi premi, ma fama e commissioni da ricchi signori, tantoché aperto studio ebbe in breve scelta e numerosa clientela, e divenne uno dei migliori, se non il più valente, fra gli scultori in legno. I suoi lavori acquistati per i principali Musei d'Inghilterra, Germania, Francia, Russia, e d'altre Nazioni, resero chiara, in breve, la fama di questo artista. I modelli di Ornamentazione e Decorazione, che si adottano in tutte le Scuole dell'Impero Austro-Ungarico, e in molti Istituti di Francia e Germania, sono tratti dai lavori del Frullini, ed imposti per legge. Alla Esposizione di Parigi del 1878 ebbe la medaglia d'oro per i mobili artistici di lusso, un'altra medaglia d'oro nella sezione di opere riguardanti l'insegnamento del disegno, e fu insignito della croce della Legion di Onore. I migliori lavori del Frullini si trovano in ogni grande città, e nelle ricche case della società più eletta d'Europa e d'America. 
 

La sala da pranzo di Luigi Frullini al museo Château-sur-Mer

In Firenze esiste una sala da pranzo tutta completa, eseguita da questo artista, che forma l'orgoglio del signore che la possiede; a Genova, nella casa di uno dei più illustri personaggi della nostra marina, trovansi molto delle più belle opere del Frullini; a Newport, in America, vi sono due sale complete; al Museo di Arte Decorativa a Roma un pilastro, scolpito nel tiglio, che il valente scultore inviò in dono, e che è un saggio della bravura, tutta speciale, di lui. Da qualche tempo però il Frullini, abbandonando l'industria dei mobili, si è dato alla vera scultura, ed in questi ultimi tempi ebbe commissione di eseguire due gruppi di tre figure ciascuno, grandi al vero, che furono inviati a Boston. Abbiamo osservato un bassorilievo in bronzo, da lui eseguito, rappresentante La vendemmia, che è opera insigne e ben riuscita, e buoni pure ci sono sembrati alcuni ritratti e medaglioni eseguiti da questo artista, nonché il busto del filosofo inglese Lowis dell'Università di Londra. I suoilavori alla Esposizione di Torino del 1884, furono molto encomiati, e S. M. il Re e la Regina gli rivolsero parole assai lusinghiere.


Brochure pubblicitaria dello studio e laboratorio di Luigi Frullini

A Londra, unico fra tutti gli espositori italiani, ebbe la croce d'oro dalla Regina d'Inghilterra, ed oltre a questa e molte altre onorificenze il Frullini, fino dal 1870 è cavaliere della Corona d'Italia, tenuto in molto conto per i suoi meriti artistici; fu per qualche tempo Vice Presidente del Circolo degli Artisti di Firenze, tre volte deputato alla Camera di Commercio, per molti ì anni Vice Presidente dell'Associazione Commerciale e sempre perorò e difese gli interessi della famiglia artistica a cui appartiene. Nato da poveri genitori, il Frullini ha saputo con lo studio o col lavoro indefesso crearsi un buono stato. Egli è caritatevole, affabile con gli operai e con i numerosi suoi dipendenti, e può dirsi il padre dei giovani intagliatori fiorentini. Nei momenti di riposo, o nella stagiono estiva, che passa in campagna, si dedica alla agricoltura e specialmente alla Enologia, e ciò gli serve di distrazione e di svago in mezzo alle molteplici cure della professione che egli ha cosi bene illustrata.

Tratto da Angelo De Cubernatis, Dizionario degli artisti italiani viventi, pittori, scultori e architetti, Firenze, Tipi dei successori Le Monnier, 1889​.

Angelo De Cubernatis (Torino, 7 aprile 1840 – Roma, 26 febbraio 1913) è stato uno scrittore, linguista e orientalista italiano (Treccani)

Arte


La Tentazione del Cristo di S. Botticelli


L’episodio principale della rappresentazione in esame è quello della “Purificazione del lebbroso” da cui viene tratto il secondo titolo.

Leggi ora!

Simone Martini, pittore


La personalità di Simone appare pienamente formata fin dalla prima opera documentata, l'affresco con la Maestà nel Palazzo pubblico di Siena, datato 1315.

Leggi ora!

Fabio Borbottoni pittore toscano


Fabio esercitava abitualmente la professione di funzionario delle ferrovie, ma si era sempre dedicato con passione alla pittura che svolgeva fin da giovane...

Leggi ora!

Il Presepe nell'arte


Nella festa di Natale sia in tutte le case, nelle vostre case la pace serena che i pittori del quattrocento fissavano sui volti delle loro madonne in...

Leggi ora!

Visite guidate

alle terrazze esterne del Duomo per la "passeggiata" a trentadue metri di altezza per regalare agli...
Oltre 750 opere per 720 anni di storia. La maggiore concentrazione di scultura monumentale...
La Galleria deve la sua vasta popolarità alla presenza di alcune sculture di Michelangelo: i...
nella meravigliosa Cappella dei Magi, il cui viaggio è un'allegoria di quello dell'uomo ed alla...