20 Maggio 2018 · 4370 Views

Luigi Frullini, intagliatore

Luigi Frullini
25 marzo 1839, Firenze - 9 giugno 1897, Firenze


Firma di Luigi Frullini

Luigi Frullini (Treccani) scultore toscano, nato a Firenze il 25 marzo 1835, da padre intagliatore, ebbe da questi i primi rudimenti dell'arte, indi studiò all'Accademia Fiorentina, e gli furono impartito lezioni private dai migliori maestri. A 17 anni perdè il padre e dovè allora adattarsi come lavorante, ma essendo molto capare veniva ricercato e ben retribuito. A vent'anni presentò alla Esposizione alcuni saggi dell'arte sua, che bastarono non solo a procurargli uno dei primi premi, ma fama e commissioni da ricchi signori, tantoché aperto studio ebbe in breve scelta e numerosa clientela, e divenne uno dei migliori, se non il più valente, fra gli scultori in legno. I suoi lavori acquistati per i principali Musei d'Inghilterra, Germania, Francia, Russia, e d'altre Nazioni, resero chiara, in breve, la fama di questo artista. I modelli di Ornamentazione e Decorazione, che si adottano in tutte le Scuole dell'Impero Austro-Ungarico, e in molti Istituti di Francia e Germania, sono tratti dai lavori del Frullini, ed imposti per legge. Alla Esposizione di Parigi del 1878 ebbe la medaglia d'oro per i mobili artistici di lusso, un'altra medaglia d'oro nella sezione di opere riguardanti l'insegnamento del disegno, e fu insignito della croce della Legion di Onore. I migliori lavori del Frullini si trovano in ogni grande città, e nelle ricche case della società più eletta d'Europa e d'America. 
 

La sala da pranzo di Luigi Frullini al museo Château-sur-Mer

In Firenze esiste una sala da pranzo tutta completa, eseguita da questo artista, che forma l'orgoglio del signore che la possiede; a Genova, nella casa di uno dei più illustri personaggi della nostra marina, trovansi molto delle più belle opere del Frullini; a Newport, in America, vi sono due sale complete; al Museo di Arte Decorativa a Roma un pilastro, scolpito nel tiglio, che il valente scultore inviò in dono, e che è un saggio della bravura, tutta speciale, di lui. Da qualche tempo però il Frullini, abbandonando l'industria dei mobili, si è dato alla vera scultura, ed in questi ultimi tempi ebbe commissione di eseguire due gruppi di tre figure ciascuno, grandi al vero, che furono inviati a Boston. Abbiamo osservato un bassorilievo in bronzo, da lui eseguito, rappresentante La vendemmia, che è opera insigne e ben riuscita, e buoni pure ci sono sembrati alcuni ritratti e medaglioni eseguiti da questo artista, nonché il busto del filosofo inglese Lowis dell'Università di Londra. I suoilavori alla Esposizione di Torino del 1884, furono molto encomiati, e S. M. il Re e la Regina gli rivolsero parole assai lusinghiere.


Brochure pubblicitaria dello studio e laboratorio di Luigi Frullini

A Londra, unico fra tutti gli espositori italiani, ebbe la croce d'oro dalla Regina d'Inghilterra, ed oltre a questa e molte altre onorificenze il Frullini, fino dal 1870 è cavaliere della Corona d'Italia, tenuto in molto conto per i suoi meriti artistici; fu per qualche tempo Vice Presidente del Circolo degli Artisti di Firenze, tre volte deputato alla Camera di Commercio, per molti ì anni Vice Presidente dell'Associazione Commerciale e sempre perorò e difese gli interessi della famiglia artistica a cui appartiene. Nato da poveri genitori, il Frullini ha saputo con lo studio o col lavoro indefesso crearsi un buono stato. Egli è caritatevole, affabile con gli operai e con i numerosi suoi dipendenti, e può dirsi il padre dei giovani intagliatori fiorentini. Nei momenti di riposo, o nella stagiono estiva, che passa in campagna, si dedica alla agricoltura e specialmente alla Enologia, e ciò gli serve di distrazione e di svago in mezzo alle molteplici cure della professione che egli ha cosi bene illustrata.

Tratto da Angelo De Cubernatis, Dizionario degli artisti italiani viventi, pittori, scultori e architetti, Firenze, Tipi dei successori Le Monnier, 1889​.

Angelo De Cubernatis (Torino, 7 aprile 1840 – Roma, 26 febbraio 1913) è stato uno scrittore, linguista e orientalista italiano (Treccani)

Arte


Allegretti Antonio, scultore


Direttore della Accademia di Belle Arti di Carrara, fu scultore di sicuro mestiere, ma di compassata e scolastica freddezza accademica.

Leggi ora!

Giotto, imitatore della natura?


Basterebbe guardare soltanto al rapporto di misura tra le figure e l'ambiente, tra i personaggi del dramma sacro e le architetture, le piante, le montagne,...

Leggi ora!

Giovanni Fattori, pittore


Giovanni Fattori è considerato tra i maggiori pittori italiani dell'Ottocento e tra i principali esponenti del movimento dei Macchiaioli.

Leggi ora!

Pietro Baldancoli, pittore


Quattordicenne, ebbe a subire l'amputazione del braccio destro per una ferita riportata alla mano con un fucile da caccia. Questo grave infortunio non lo...

Leggi ora!

Visite guidate

Per Ugo Foscolo la Chiesa è un "Tempio delle Itale glorie".
Tra religione, astronomia e panorami esclusivi, solo all'osservatorio Ximeniano
Tempio Maggiore Israelita di Firenze, e dopo andremo al ristorante kosher, se siete interessati.
Ona, ona, ona ma che bella rificolona la mia l’è co’ fiocchi, la tua l’è co’ pidocchi...