24 Aprile 2018 · 3681 Views

Giovan Battista Paggi

Giovan Battista Paggi
(Genova, 27 febbraio 1554 – Genova, 10 marzo 1627)
 
 
PAGGI (Giovanni Battista) nacque in Genova da patrizia famiglia nel 1554, e fu posto dai parenti allo studio delle lettere; ma ben tosto, tratto da naturale inclinazione, si consacrò alla pittura.
Ebbe i primi rudimenti dell'arte da Luca Cambiaso (1), e molto si esercitò nel copiare antichi bassi rilievi a chiaroscuro. A quest'utile pratica andò debitore dì quella bellezza di parli che accostasi all'ideale, e che trovasi frequentemente nelle sue figure. E già cominciava a colorire con buon gusto ed a la pratica nella forza del chiaro scuro, quando, rendutosi colpevole di un omicidio, dovette abbandonare la patria e ritirarsi in Firenze, dove si trattenne vent'anni, avvicendando collo studio delle opere de' grandi maestri, i proprj originali lavori, di cui lasciò non numerosa, ma scelta copia in quella illustre capitale.

 

Miracolo di S. Caterina da Siena, chiostro grande di Santa Maria Novella

Tra questi meritano distinta ricordanza la Storia di S. Caterina nel chiostro di S. Maria Novella: opera facilmente superiore a tutte le altre di quel chiostro per copia di figure, per robusta maniera, per nobiltà e per grazia di volti, per ornamenti di architettura. Egualmente pregevole è la Trasfigurazione della chiesa di San Marco.
 

Trasfigurazione, chiesa di San Marco, Firenze (1596)

Venuto in Lombardia, condusse per la certosa di Pavia tre stupende storie della Passione del Signore; e colà ebbe lettere di Francia e di Spagna, che con larghi stipendi lo chiamavano a quelle corti. Ma l'amore della patria, die nello stesso tempo, in considerazione della sua virtù lo richiamava nel suo seno, gli fece rinunziare ad ogni altra onorevole condizione. Grato a tanto favore, l’arricchì di bellissime opere, tra le quali, ebbe a ragione gran nome il quadro della Strage degl'Innocenti di casa Doria, fatto a competenza di Rubens e di van Dyck. Ebbe molti scolari, che io perdettero nel 1627.
Intagliò il Paggi molte stampe all'acquaforte, e scrisse un trattato della pittura che dai Francesi fu tenuto in molta stima, sotto il titolo di Tablette du Pagi, ma che nell'edizione  d'Italia porta il nome di Definizione e divisione della pittura

(1) Luca Cambiaso (Moneglia, 18 ottobre 1527 – San Lorenzo de El Escorial, 6 settembre 1585) è stato un pittore italiano. (Fonte
Treccani)

Tratto da Stefano Ticozzi, Dizionario degli architetti, scultori, pittori, Milano, Presso C. Branca, 1830​

 

Arte


Confronto fra Botticelli e Pollaiolo


San Sebastiano: Antonio Pollaiuolo lanciava il grido disperato del martirio crudele, Sandro Botticelli, più semplice e più puro, innalza a Dio la preghiera...

Leggi ora!

Pier Francesco Fiorentino, seconda parte


Il tipo di Madonna amato da Pier Francesco si mostra in una tavola, la Vergine tiene in grembo il Bambino seduto, che stringe un uccellino fra le mani.

Leggi ora!

Madonna del Magnificat di S. Botticelli


La forma circolare era tipica di opere appese nelle anticamere o nelle camere da letto, il che farebbe pensare a un'opera per la devozione privata.

Leggi ora!

Federico Andreotti, pittore


Andreotti si dedicò all'olio, all'acquerello ma anche all'affresco, dipingendo paesaggi, ritratti, figure femminili, scene di genere, scene storiche e nature...

Leggi ora!

Visite guidate

Finita la visita ci fermeremo in un posto privilegiato e vedremo in tutta tranquillità i bei Fochi.
Tra religione, astronomia e panorami esclusivi, solo all'osservatorio Ximeniano
Entreremo anche nella sede della Loggia Massonica del Grand'Oriente Italia. Un appuntamento...
Caccia alla storia e al divertimento. Anche nelle calde sere, da maggio a settembre, tempo...