28 Ottobre 2017 · 3408 Views

Madonna dell'Eucaristia di Botticelli

Madonna dell'Eucaristia
 conservata nell'Isabella Stewart Gardner Museum di Boston.


Questa pittura è una delle opere più squisite uscite dalla fantasia del giovane Botticelli (1470-1472). La Madonna siede col divin Figlio sul grembo e a lei un bellissimo giovane, col capo ricciuto coronato da un serto verde e da un'aureola luminosa, porge sopra una coppa dei grappoli di uva e delle spighe dii grano. La Madonna prende con la mano destra una spiga, mentre il Fanciullo, insolitamente pensieroso, benedice nei frutti il pane e il vino, simboli del suo sacrificio eucaristico. Con la grazia più delicata il Botticelli ha espresso un così profondo pensiero che non ha certo uguali in tutta l'arte del Quattrocento. Un velo di tristezza adombra tutta la composizione, nella Madonna consapevole del destino crudele e dell'infinito dolore che l'attende, nel Fanciullo che s'impegna al sacrificio, nel giovane che ne offre il simbolo. La figura di questo giovane misterioso nella sua natura, che solo l'aureola lascia credere santo o angelo, enigmatica figura, che può sembrare pure piena di grazie femminili, racchiude la bellezza maggiore del quadro. Sul suo volto di un mirabile ovale, della forma propria dell'arte più matura del Botticelli, è stampato un marchio di sofferenza e di amarezza, e non a torto un acuto critico inglese, lo Streeter, ha detto ch'essa sembra una figura venuta di lontano che ha camminato a traverso le età. Una dolcezza ineffabile irradia ora il suo bel volto, che par venga meno, e tenta un debole sorriso, con gli occhi socchiusi, rapito dalla dolcezza di scorgere il Fanciullo divino.

Quest'opera giovanile sembrerebbe anteriore agli influssi dei Pollaiuolo, s'essa non avesse già fissato e stabilito nel giovane offerente e nella Madonna il tipo degli angeli e delle figure femminili dal viso ovale espressivo, un po' languido e sognatore, dal forte mento a punta, dalle labbra sottili e strette.
Ch'essa appartenga all'epocca degli influssi del Pollaiuolo, quando il suo disegno diveniva più energico e più sicuro, non sembra quasi verosimile osservando l'enorme mano sinistra della Vergine, la gamba e il braccio sinistro del Bambino tanto sproporzionatamente piccoli e meschini. Ma d'altra parte questa Madonna è assai strettamente connessa col San Sebastiano, per l'identica espressione idealista, per la profondità del pensiero di un così sottile significato, di una corrispondenza mistica così suggestiva.

Le piccole dimensioni del quadro rendono meno gravi e meno notevoli i difetti del disegno, che possono quasi scomparire davanti alla squisitezza del pensiero.
 



 

Arte


Beato Angelico


Fu Giorgio Vasari, ne Le vite ad aggiungere al suo nome l'aggettivo "Angelico".

Leggi ora!

La Maddalena Penitente


È da un’anima di legno vivo che viene scolpita la Maddalena penitente oggi conservata al Museo dell’Opera del Duomo fiorentino.

Leggi ora!

Simone Martini, pittore


La personalità di Simone appare pienamente formata fin dalla prima opera documentata, l'affresco con la Maestà nel Palazzo pubblico di Siena, datato 1315.

Leggi ora!

Salvatore Albano, scultore


La genialità, la disinvoltura, la naturalezza distinguono particolarmente l'opera di questo scultore potente, rapido nel concepire, ugualmente pronto...

Leggi ora!

Visite guidate

Visita con noi le sale affrescate granducali ed il soffitto squisitamente dorato e il dipinto del...
Il percorso farà scoprire i luoghi della città in cui Dante camminò e visse. Traccia dopo...
alla Casa Museo Buonarroti in via Ghibellina, in una delle più singolari occasioni di visita tra...
Venerdì 31 gennaio le coppie di visitatori potranno accedere al Museo pagando un solo biglietto...