23 Febbraio 2018 · 5359 Views

Sono Francesco di Alessandria e tifo Viola


 

E poi c’è ancora chi non è interessato né agli schemi né a Cognigni né a Bucchioni
C’è ancora chi si emoziona per i suoi colori, per la sua maglia.
E magari fa anche più strada e fatica di tanti, ma lo fa perché si sente vivo, perché glielo dice il cuore….
E alla fine è un po’ quello che sentiamo anche noi tutte le domeniche, quando siamo lì. Quando l’arbitro fischia e contano solo il campo e i gradoni.
Questi sono i sentimenti di Francesco di Alessandria.
Uno di noi.

 

 
Forza Viola.

“Ciao. Ho 29 anni, mi chiamo Francesco, da sette sono su una seria a rotelle. Guido comunque, ho un’auto adattata per le mie esigenze ed abito a Momperone in Piemonte nella provincia di Alessandria. Mio padre è diventato tifoso della Fiorentina perché nel 1956 lo hanno portato per la prima volta allo stadio a vedere Alessandria - Fiorentina e vincemmo noi. Da quel momento si è innamorato del viola e di quella magnifica squadra che giocava un calcio meraviglioso e che vinse lo scudetto.
Avevo uno zio che mi pagava i gelati pur di farmi diventare tifoso del’Inter, mia mamma invece sperava che avrei tifato per il Milan, ma nessuno riuscì… Mio padre è sempre stato onesto e mi disse: “Francesco, non ti mettere a tifare per la Fiorentina perché saranno poche gioie e tante sofferenze, tifa chi vuoi basta non sia la Juventus”… Ma queste parole sortivano l’effetto opposto e non me ne fregava niente… Crescevo con campioni del calibro di Batistuta, Toldo, Rui Costa… fai presto ad innamorarti… Poi la curva Fiesole, quel colore viola, così particolare e unico… il Giglio, Firenze, e poi da sempre e per istinto se tutti vanno a destra io di natura sono portato ad andare a sinistra…
Prima lavoravo e giocavo a pallone e non avevo tempo per lo stadio, poi purtroppo mi sono rotto la spina dorsale e appena mi sono reso autonomo (vestirmi, andare in bagno, guidare) ho fatto l’abbonamento al Franchi e sono tre anni che tutte le domeniche vengo, mi fa sentire vivo questa mia passione mi fa sentire il calore della gente e mi ha fatto incontrare molte belle persone e stringere belle amicizie”. 
Grazie Firenze


Indipendenti.net

Alè Viola


L’archetipo del calciatore moderno


«Pesaola ha un maggiordomo, ma non ha l’autista. La sua Alfa Romeo 1750 GTV preferisce guidarla da solo. Al volante è felice come al timone della squadra...

Leggi ora!

Di padre in figlio


A mio figlio racconterò di quando ne ho presi cinque dalla Juventus e di quando sono fallito e retrocesso in C2...

Leggi ora!

Il ciclone Vittorio, parte prima


Vittorio Cecchi Gori, un essere essere mitologico: mezzo uomo, mezzo ciuffo cotonato. Camicia sempre aperta con pelo in vista, tacco dodici, fiuto da Oscar e...

Leggi ora!

La fenomenale Viola nel secondo scudetto


I Viola non erano di certo partiti col favore dei pronostici, in un campionato che vedeva corazzate quali il Milan (Campione d’Italia uscente) di Rivera,...

Leggi ora!

Visite guidate

Ingresso gratuito alla villa. Visita con noi Villa Medicea di Poggio a Caiano, scandali, morti...
nei luoghi che hanno segnato la loro storia: dal quartiere mediceo, rinnovato da Cosimo il Vecchio...
Una visita per scoprire la ragione possente della forza onirica che sprigiona questo luogo. La...
A Certaldo nascono qui le due personalità più importanti di questa città: il poeta Giovanni...